in cucina

DSCF1353 gd

Salva

Salva

Salva

Salva

con i piccoli

DSCF5750 rit

 

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

a piedi o in spalla

IMG 20170902 170039 2

 

Salva

Salva

Salva

Salva

orto e giardino

IMG 20171019 131503

 

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Fusilli di farro al pesto di portulaca e zucchina

on Lunedì, 31 Agosto 2015. Posted in cucina

Fusilli di farro al pesto di portulaca e zucchina

Settembre: il mio mese preferito! Mese di ripresa di attività, quasi un inizio anno anche per chi a scuola non ci va più! Adoro le giornate ancora calde, ma con le ombre più lunghe e quel aria dorata che ci accopagnerà fino a ottobre avanzato, adoro i suoi frutti e le verdure, ancora tanta estate, ma anche un po' di autunno, tanta abbondanza di cui ringraziare la terra! E poi ancora le spontanee che ritornano a darsi generosamente! Le bimbe saranno ancora a casa da scuola per un paio di settimane, continueranno quindi le gite, le cene con gli amici in giardino, le uscite prima di riprendere la routine scolastica e il lavoro mattutino a pieno ritmo. Mi tengo buono il pesto che vi propongo oggi per i pranzi da preparare al volo di questo mese: veloce, gustoso, cremoso, sono certa che vi conquisterà come ha conquistato noi!

DSCF8409 gdIngredienti per 4 persone:

  • 1 zucchina di circa 15 cm ( o mezza zucchina grande)
  • 30 gr di mandorle pelate
  • 3-4 rametti di portulaca
  • 3-4 cime di basilico
  • sale fino integrale qb
  • olio evo bio qb
  • acqua qb
  • 350 gr fusilli integrali di farro bio

Preparazione:

Mettete a bollire abbondante acqua in un pentola, nel frattempo preparate il pesto. Frullate le mandorle fino a ridurle in farina, aggiungete a filo l'olio evo fino ad ottenere una cremina. Aggiungete le foglie di basilico e di portulaca (scartate i gambi) e frullate. Tagliate a pezzetti la zucchina e aggiungete pure quella. Se la crema risulta troppo densa aggiungete un po' di acqua. Regolate di sale e tenete da parte.

Quando l'acqua bolle, salate e aggiungete i fusilli. Cuocete per il tempo indicato in confezione. Aggiungete il pesto e decorate con qualche fogliolina di portulaca. Servite subito! Gustate la cremosità!

PS: la portulaca è considerata una "erbaccia", la troverete copiosa negli orti in questo periodo (la vedete nel'immagine di apertura). Spesso la si trova anche nei vasi: io colgo l'occasione per diradarla per averne un bel mazzo che tengo in cucina da usare al bisogno, per la panzanella o da aggiungere alle insalate. Se ne avete molta avevo postato la ricetta per conservarla sotto aceto.

Se vi chiedete perchè consumarla avevo riportato un po' delle sue proprietà QUI.

Porto questa ricetta alla mia raccolta Integralmente in estate. Vi aspetto con le vostre golosità!

integralmente 2015 rid

Commenti (17)

  • Valentina

    Valentina

    01 Settembre 2015 at 17:47 |
    Mammamia che acquolina!
    Non avevo pensato di fare un pesto con la portulaca...grazie per la dritta! :)
    Anche io proprio oggi ho pubblicato una "ricetta" con questa erbetta spontanea come ingrediente!
    Un abbraccio a te e ai tuoi cuccioli splendidi.
    Felice di esser tornata a leggerti dopo una lunga pausa estiva .
    A presto!

    Rispondi

    • Daria

      Daria

      03 Settembre 2015 at 14:45 |
      Ho visto la tua ricetta... anche per noi nell'insalata è un must! Bentornata!

      Rispondi

  • Ely

    Ely

    02 Settembre 2015 at 08:48 |
    Bellissima questa ricetta e anche quella della portulaca sotto aceto che sono andata a vedere proprio ora. Sabato se il tempo permetterà vado a fare pulizia nell'orto e sono certa che ne troverò in abbondanza!
    Grazie come sempre :) a presto Ely

    Rispondi

    • Daria

      Daria

      03 Settembre 2015 at 14:46 |
      Solitamente gli orti domestici sono degli ottimi fornitori di portulaca! ;-P

      Rispondi

  • cri

    cri

    03 Settembre 2015 at 07:50 |
    La portulaca mi manca ad quando non ho più il terrazzo! Il tuo pesto sembra decisamente delizioso ;)

    Rispondi

    • Daria

      Daria

      03 Settembre 2015 at 14:47 |
      Potrebbero venirti in aiuto degli amici con orto in terra o sul terrazzo? ;-)

      Rispondi

  • Felicia

    Felicia

    03 Settembre 2015 at 20:07 |
    Bellissima questa pasta, mi piace la tua versione del pesto, il basilico le mandorle....
    Mi piace la cremosità e sono certa anche il gusto. La portulaca non manca!!!! da provare

    Rispondi

    • Daria

      Daria

      05 Settembre 2015 at 14:52 |
      Il pesto è davvero cremoso e gustoso... si abbina perfettamente anche ad altri formati di pasta...

      Rispondi

  • Marco

    Marco

    08 Settembre 2015 at 13:20 |
    Usare tutto!

    Rispondi

    • Daria

      Daria

      08 Settembre 2015 at 14:53 |
      :-D abbasso gli sprechi!

      Rispondi

  • paola

    paola

    10 Settembre 2015 at 17:17 |
    che buonissima idea, devo assolutamente prepararla
    Tra l'altro una mia amica calabrese mi ha detto che loro mangiano (nel minestrone e nelle spadellate/ pietanze che ognuno può inventarsi) le foglioline tenere della pianta di zucchine...le pela (toglie i fili come ai cardi, per intenderci) e le consuma...quindi magari pure nella tua ricetta si possono frullare e "pestare" ;-)
    purtroppo l'orto di mia mamma è lontano, e quest'anno il grande caldo ha anche decimato molte verdure...per le foglioline sarà per il prossimo anno ma magari tu sei ancora in tempo!!

    Rispondi

    • Daria

      Daria

      11 Settembre 2015 at 11:20 |
      Ciao Paola, si sapevo anch'io della possibilità di mangiare le foglie delle zucchina, può essere che li chiamino "tenerumi"? Mi sa che orami anche da noi è tardi vista la dimensione delle piante...

      Rispondi

  • Sara

    Sara

    11 Settembre 2015 at 15:26 |
    il "tennerume" in sicilia sono le cime di zucca. buonissime!!! le ho assaggiate ad ottobre l'anno scorso, quando lì era ancora estate!
    il contadino dove le ho comprate diceva che lui piantava una varietà di zucca buona per il tennerume ed altre varietà buone per la zucca vera e propria. le foglie erano pelosette e difficili da lavare per via di questa caratteristica, ma il risultato era strepitoso!!!
    peccato che qui non sia comune trovare questa delizia...io che per ora non ho orto non posso autoprodurla...

    Rispondi

    • Daria

      Daria

      11 Settembre 2015 at 22:05 |
      Ah, ecco grazie Sara per la delucidazione! Chissà che buoni che sono!

      Rispondi

  • paola

    paola

    17 Settembre 2015 at 15:43 |
    sono andata nell'orto di un amico: non gli sembrava vero che gli portassi via una cassetta di portulaca e gli liberassi i cardi da quell'erbaccia!! stasera la metto nell'insalata, nel we provo il pesto (già che c'ero mi sono fatta regalare una zucchina) e poi la metto sotto aceto..
    Per quanto riguarda le foglioline...vedo che ti hanno risposto!

    PS l'aceto di ananas è venuto benissimo!!!

    Rispondi

    • Daria

      Daria

      18 Settembre 2015 at 21:27 |
      Felicissima di averti dato la possibilità di far felice il tuo amico! ;-)
      Caspita che chicca l'aceto d'ananas!

      Rispondi

  • paola

    paola

    01 Ottobre 2015 at 15:04 |
    ho finito le zucchine...ma inizio con le zucche...proverò a fare questo pesto con la zucca cruda...che dici??

    Rispondi

Lascia un commento

Stai commentando come ospite. Login opzionale sotto.


Anti-spam: complete the taskJoomla CAPTCHA

Login

Per commentare più agevolmente (senza che ti venga richiesto il codice captcha) registrati e fai il login quando entri nel sito. In questo modo l'approvazione dei commenti verrà richiesta solo la prima volta e poi sarà automatica
PS: purtroppo sono stata costretta per gli utenti non registrati a inserire i codici captcha a causa dell'eccesso di spam che finiva col bloccare il sito. Grazie!

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione cookie policy