in cucina

IMG 20161208 122722

Salva

Salva

Salva

con i piccoli

IMG 20170901 193948 l

 

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

a piedi o in spalla

IMG 20170902 170039 2

 

Salva

Salva

Salva

Salva

orto e giardino

DSCF2486 gd

 

Salva

Salva

Salva

Salva

detersivi

Autoproduciamo la nostra detergenza!

on Lunedì, 30 Settembre 2013. Posted in detersivi

Questa pagina nasce per riunire in un unico spazio tutte le ricette e i consigli riguardanti la detergenza e la cosmesi autoprodotta o ecologica. In particolare ho il piacere di ospitare l'amica Elisa che da tempo realizza e prova cosmetici e detergenti realizzati in casa con prodotti naturali. Molti degli articoli saranno scritti da lei con link al video per vedere in modo diretto come fare. Spero che l'idea vi piaccia! Qui di seguito vi lascio i link agli articoli sul tema che già trovate qui sul blog e che aggiornerò man mano.

 Per la casa:

detergente pavimenti di Elisa

detergente in crema per sanitari

acido citrico, aceto e bicarbonato in cucina

pulire i vetri

Per il corpo:

- il sapone autoprodotto di Moira e Valeria

Materiale scaricabile:

PDF con raccolta ricette contest "io lavo eco, I love eco"

Maschera all'argilla verde

on Mercoledì, 02 Ottobre 2013. Posted in detersivi, cosmetici

ricetta di Elisa

Ciao a tutte, sono Elisa e … mi presento.

Beh, un pò di imbarazzo direi … perché spesso si pensa a che dire ed a che non dire per fare una bella impressione agli occhi di che sta leggendo … Allora io vi dico chi sono descrivendovi che cosa mi piace fare.

Mi piace svegliarmi al mattino, di buon’ora, aprire le imposte e fare entrare più sole che posso nella mia casa, ed assieme ad esso il vento, che porta sempre con se una storia nuova, fatta di profumi, emozioni ed aspettative.

Mi piace cucinare per la mia famiglia ed accudire gli animali della mia mini farm.

Mi piace insegnare e stare con i bambini ed anche se il mio futuro lavorativo è assieme a quell’elefante che si dondolava sul filo di una ragnatela, io, lo ritengo una cosa molto interessante.

Purtroppo, sono una ex secchiona, una di quelle con gli occhiali ed i capelli raccolte, una di quelle che, quando va a visitare un museo, si dimentica delle persone e si perde nelle legende, una di quelle che quando va a fare la spesa legge tutte le etichette … Ed è così che tanto studiare mi ha portato a laurearmi ed il laurearmi mi ha portato a prendere il coraggio di mettere in pratica i miei studi.

Questo percorso lungo, come la vita, e pieno di sogni ammuffiti nei cassetti, un giorno mi ha portato a conoscere Daria ed il suo blog, ed eccoci qua, a buttare giù, assieme, qualche racconto, sperando vi divertiate e lo troviate interessante.

Con affetto. Elisa

E ora veniamo alla mia prima ricetta!

Maschera all'argilla 

ingredienti:

-10 cucchiai da minestra di argilla verde;

-3 cucchiai da caffè di sale dell’Hymalaya;

-1 cucchiaio da minestra di amido di riso;

-2 cucchiaini da caffè di ossido di zinco;

-1 cucchiaio da minestra di olio di lino;

-2 cucchiai da minestra di glicerina vegetale;

-2 cucchiai da minestra della soluzione acqua+ Sapindus Mucorossis;

-3 cucchiai da minestra di acqua;

- semi di fragola;

-amido di iris;

-5 gocce di cosgard

Qualche informazioni sui prodotti prima di partire!

Partiamo con i non indispensabili per fare una maschera all’argilla dall’azione purificante: i semi di fragola.

I semi di fragola, acquistabili da www.aroma-zone.comhanno la funzione di esfoliante dolce. Quindi servono soprattutto per chi soffre di pelle “ingrossata”, ossia per chi non è solito a farsi la pulizia del viso, ad usare detergenti, e che spesso si trova esposto a sole e intemperie con il viso, senza adeguate protezioni. Altra cosa : pessimo odore, lo vedrete anche nel video, però, la loro funzionalità, li ripaga.

IMG 20130925 200309

Polvere della radice (in verità è un rizoma) di Iris. Questa polvere è profumatissima ed ha la capacità di assorbire l’eccesso di sebo senza ostruire i pori, come, invece, potrebbe fare il talco non naturale ( minerale composto di magnesio, poi trattato per renderlo profumato), ed altri ossidi (ossido di alluminio). Inoltre ha una spiccata proprietà micro abradente, in senso positivo; mi spiego: ha la capacità di lavorare sullo strato epicutaneo più superficiale, eliminando le cellule morte, che il nostro corpo rinnova ogni 52 gg. Lavora, così, assieme ai semi di fragola, i quali, grazie alla loro forma più tondeggiante, lavorano più in profondità. Entrambi gli ingredienti sono “sinergici”, ossia l’uno potenzia l’azione dell’altro. Anche la polvere d’Iris l’ho acquistata da www.aroma-zone.com tutti e due i prodotti, arrivano in una bustina. Consiglio di metterli in contenitori rigidi e più malleabili. Io uso quelli esausti del gelato al tartufo. Entrambi i prodotti potranno essere riutilizzare in altri preparati ma non sostituiti con altri ingredienti che abbiamo in casa.

IMG 20130925 200400

Ora passiamo ai fondamentali:

Olio di riso o olio di lino. Io preferisco usare l’olio di lino per la pelle, anche se l’olio di riso è più leggero. L’olio di lino si ottiene, come tutti gli olii ad uso cosmetico, per spremitura a freddo dei semi, ricchissimi in acidi grassi a corta catena, quali omega 3 e omega 6. Questi grassi, a diverse concentrazioni, si trovano anche nel salmone e nelle alici. Contiene acido alfa linoleico e gamma linolenico. Per tali ragione, a crudo, si usa anche con scopo alimentare. Tra gli usi cosmetici si annoverano quelle di veicolante ed emolliente. Io prendo quello di www.joeandco.it/crudolio

Sale grosso dell’Himalaya.Io ho trovato questo tipo al supermercato. E’ economico, ottima per la preparazione che andiamo a fare, perché, grazie al suo contenuto in argilla fossile, potenzia l’effetto dell’argilla verde: è un sinergico. Inoltre si può riutilizzare per cucinare e nei pediluvi.

Argilla verde ventilata: questa l’ho acquistata alla parafarmacia del super perché mi ricordavo che si poteva acquistare li. Si trova anche on-line, meno cara di quella che ho preso io e può essere riutilizzata in caso di infiammazioni epicutanee, o in caso di intossicazioni organiche, grazie al suo spiccato potere assorbente.

La glicerina vegetale è un prodotto ricavato da alcune piante quindi di origine naturale anche se il processo di estrazione comporta l’uso di solventi. Si può ordinare anche in farmaci. E’ un forte umettante. Si ritiene abbia la capacità di veicolare alcuni p.a. (principi attivi) idrosolubili, ossia solubili in acqua. Purtroppo non molti sanno che tantissimi cosmetici costituiti da emulsioni del tipo O/A ossia olio in acqua non sono molto assorbibili, proprio perché, essendo, la pelle, costituita da un doppio stato fosfolipidico (grasso) tende ad assorbire i “grassi”, in poche parole. In altre parole la pelle è più predisposta ad assorbire i P.A. sciolti in grassi(olii, burri, cere) che non in acqua. Ecco perché sono da preferirsi emulsioni del tipo A/O che non il contrario. Nel nostro caso, comunque, il glicerolo non deve veicolare nulla. E’ acquistabile sempre sul sito www.aroma-zone.com.

Per la realizzazione si parte dal sale che va triturato in un pestello e unito alle altre polveri miscelando bene, meglio per mezzo di un frullatore. Poi si uniscono i liquidi...

Per farvi capire meglio guardatevi questi due video, in particolare il secondo:

Parte 1: http://youtu.be/WhWobZv7CBE
Parte 2: www.youtube.com/watch?v=WhWobZv7CBE

Aspetto le vostre impressioni e prove!

Login

Per commentare più agevolmente (senza che ti venga richiesto il codice captcha) registrati e fai il login quando entri nel sito. In questo modo l'approvazione dei commenti verrà richiesta solo la prima volta e poi sarà automatica
PS: purtroppo sono stata costretta per gli utenti non registrati a inserire i codici captcha a causa dell'eccesso di spam che finiva col bloccare il sito. Grazie!

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione cookie policy