in cucina

IMG 20161208 122722

Salva

Salva

Salva

con i piccoli

IMG 20170127 104057

 

Salva

Salva

Salva

Salva

a piedi o in spalla

DSCF3423 2

 

Salva

Salva

Salva

orto e giardino

DSCF2486 gd

 

Salva

Salva

Salva

Salva

La breve storia di Alice e i pannolini (lavabili)

on Lunedì, 28 Novembre 2011. Posted in bagno

Mi è capitato talmente spesso di entrare nel merito dello spannolinamento di Alice sia con amiche che in varie discussioni in rete, che mi è venuta voglia di scriverlo…
Intanto premetto che a parte i primi 15 giorni in cui era piccolina (meno di 3 kg) abbiamo sempre usato i lavabili del tipo prefold che avevamo avuto la fortuna di trovare in promozione alla coop e con i quali ci siamo da subito trovati benissimo.

Alice giugno 2008 0617010

Dopo la nascita di Alice sembra strano ma avevo molto tempo per leggere: quando, vi chiederete? Mentre Alice poppava, infatti stava talmente tanto al seno a ciucciare in tutta calma che mi rilassavo leggendo! E fra i vari libri ho letto “Senza pannolino” di Laurie Boucke che tratta del metodo EC (elimination comunication) nella gestione dei bisogni fisiologici dei bambini. La lettura mi ha colpito molto, soprattutto per il concetto di ascoltare il bambino e soddisfare le sue richieste in analogia a quanto si fa con l’allattamento a richiesta. Poi una mattina (Alice avrà avuto2 mesi) l’ho trovata asciutta dopo tutta la notte e quindi ho pensato che sicuramente le scappava e l’ho posta sul water in posizione fisiologica: sembrava che non aspettasse altro! Da quel giorno tutte le mattine c’era il nostro appuntamento col wc sia per la pipì che per la cacca che ha cominciato a fare solo lì. Da lì ho cominciato ad osservarla bene e quando la vedevo impensierirsi la portavo in bagno, oppure quando le cambiavo il pannolino le facevo anche fare la pipì sul water. In pratica ho cominciato a fare EC pur continuando ad usare i lavabili. Soprattutto in estate poi la lasciavo a lungo senza pannolino a giocare sul tappeto. Intorno ai 5 mesi abbiamo preso il vasino e ha cominciato a farla lì e così il vasino ha cominciato a seguirci anche nei nostri viaggi in montagna. Con la primavera e il caldo, quando aveva 14 mesi ho iniziato a tenerla sempre più spesso senza pannolino in casa (visto che capitava anche di trovarla spesso
asciutta) e a mettere il vasino vicino al luogo dove giocava, in modo che non occorreva che si distraesse dal gioco per andare in bagno. Incredibilmente dopo un paio di settimane ha iniziato a chiamare sempre e di pozzette in giro per casa ne ho trovate veramente poche! Insomma nel giro di un mese le mettevo il panno solo la notte e per uscire. Ad un certo punto lei ha (giustamente) cominciato a ribellarsi: il pannolino proprio non lo voleva neanche per uscire (e in effetti era praticamente sempre asciutto quando glielo toglievo)! Così mi sono attrezzata con una borsetta contenente un paio di mutande pulite, un paio di pantaloncini e un asciugamanino per le emergenze, che comunque non ci sono mai state perchè anche in giro lei avvisava! Mi ricordo lo stupore delle altre mamme al parco quando vedevano che non aveva il pannolino e che magari le facevo fare pipì nell’erba!
A 16 mesi è stata la volta del pannolino di notte: anche in questo caso ha voluto lei toglierlo!
Personalmente non avevo aspettative, non pensavo che sarebbe stato definitivo ed ero pronta a rimetterglielo se ce ne fosse stato il bisogno… in realtà lei non ha mai voluto e a 18 mesi ho inscatolato i lavabili (di cui alcuni ancora praticamente nuovi…)!
Molti mi chiedono se secondo me dipende dall’uso dei lavabili: onestamente penso che in parte possa essere così, visto che con i lavabili la sensazione di bagnato si sente. Ma a mio avviso dipende anche da quello che non ho fatto, ovvero non l’ho abituata a pensare che il pannolino fosse il luogo giusto e l’unico in cui farla e a neppure a non comunicare i suoi bisogni fisiologici. Poi logicamente ogni bambino è un caso e magari quello che è andato bene per noi non andrà bene per altri… attendo con curiosità di vedere come andrà a finire con Elena con la quale stiamo usando lo stesso approccio: ma questo sarà un altro articolo!
Per maggiori informazioni sull’elimination comunication:
- in rete: http://www.evassist.it/ (crescere senza pannolino)
- libri:
Senza Pannolino di Laurie Boucke
Via il pannolino di Elena Dal Prà (capitolo sull’ec)


•Simona scrive:
28 novembre 2011 alle 13:33
ciao Daria io ho sempre usato gli U&G e nonostante questo Sofia ha iniziato a fare i suoi bisogni nel vasino a 8 mesi;l’ho scoperto per caso un pomeriggio che piangeva disperata e non capivo cosa avesse….. non so perchè ma l’ho fatta sedere sul bidet senza il pannolino e incredibilmente ha fatto la pipì spalancando un sorriso sdentato fino alle orecchie. Il giorno dopo ci ho riprovato stessa scena ma fece anche la pupù e questa volta il sorriso fino alle orecchie è stato anche il mio! Solo dopo mi sono interessata all’argomento e ho letto i libri che hai citato tu! Purtroppo la notte non riusciamo a trovare un equilibrio lei non lo vuole assolutamente ma se la fa addosso quindi continuo a metterglielo…… ho provato a lasciarla senza ma se si bagna si dispera…… in fondo ha solo 2 anni, asepttiamo.Simona

•daria
scrive: 28 novembre 2011 alle 16:47
Però determinata la Sofia nel mostrarti i suoi bisogni! :-) Da quanto ho letto io, la notte è un discorso un po’ diverso… nel senso che non è detto che lo spannolinamento diurno vada di pari passo a quello notturno. Secondo me fai benissimo ad aspettare, in fondo ogni bimbo ha i suoi tempi ed è importante andargli incontro e ascoltarli anche in questo aspetto.
•simona
scrive: 28 novembre 2011 alle 21:08
Forse dovremo essere più ascoltate dagli operatori, quando l’ho detto alla pediatra mi ha riso in faccia asserendo che era del tutto impossibile, verso i 20 mesi ho fatto per 3 volte lo spannolinamento perchè all’asilo le rimettervano il panno. Ho dovuto prendere una settimana di ferie per stabilizzare il tutto e quando è tornata all’asilo era pienamente indipendente chi mi diceva che sarebbe diventata stitica ( il perchè poi non l’ho mai capito ) chi mi diceva che non avrebbe avuto sicurezza in sè stessa ( e anche questo sinceramente
non l’ho capito )……..bah
•daria
scrive: 28 novembre 2011 alle 22:56
Hai pienamente ragione… ma ho come l’impressione che in questo come in altre tematiche legate alla genitorialità, attualmente prevalgano la logica di mercato e la “comodità” del genitore/operatore nel non dover darsi troppa pena. Se ci fossero veramente tutti questi problemi che paventano con lo spannolinamento prima dei 2 anni o con l’ec, li avrebbe l’80% della popolazione mondiale che non conosce praticamente l'uso dei pannolini e abche tutta la popolazione over 30 che è cresciuta con i ciripà e spannolinamento "precoce" ;-)
Rispondi
••Valentina
scrive: 29 novembre 2011 alle 15:22
Ciao Daria, anch’io come te uso pannolini lavabili e parziale EC da quando Anna ha 6 mesi… è iniziato tutto per caso da un episodio di stitichezza in montagna, da allora o è sul vasino (o riduttore) o nulla… Anch’io poi, al momento del risveglio la porto sempre in bagno per la pipì…Ci vuole pazienza e ascolto, tanto ascolto dei bimbi. Bisogna essere con loro e dedicare a loro tempo ed energie. Questo è il punto.E poi concordo con Simona. Ai genitori non viene neppure proposta l’opzione dell’EC al posto dei pannolini dagli operatori, pediatri in primis. Il mio (e purtroppo non posso cambiarlo vista la scarsità di pediatri in zona) mi “guarda storto” anche perchè uso i lavabili. Attorno a noi e in particolare ai nostri bambini c’è una squallida operazione costante di “costruzione della domanda” per poter vendere i prodotti industriali… ovvero io ti faccio credere che senza questo o quel prodotto tu non puoi stare, che è sempre migliore e più controllato il prodotto industriale, che potresti rischiare se non utilizzi quel prodotto. Purtroppo il mercato consumista ci ha resi schiavi di queste logiche, prima o poi resteremo sommersi da tutto il superfluo che quotidianamente accumuliamo!!! Io cerco, come te, di
ridurre al mimino acquisti e rifiuti, sono consapevole di essere solo un granellino di sabbia,
ma so anche che, con il mio agire posso essere d’esempio a tanti altri granellini!!!!!
•elena
scrive: 29 novembre 2011 alle 18:02
Che bell'articolo Daria! devo dire che la tua Alice è proprio precoce e vedo che anche Elena sta andando alla grande! Interessanti anche i commenti. Grazie per la citazione del libro… Un abbraccio! Elena

•daria scrive:
29 novembre 2011 alle 18:27
Grazie a te e al tuo libro, sempre molto utile!

Commenti (2)

  • L'angolo di me stessa

    L'angolo di me stessa

    17 Febbraio 2014 at 15:09 |
    Anche noi lavabili + Ec parziale e spannolinamento a 21 mesi, però confermo che ogni bimbi è a sè. La mia Belva di notte bagna ancora tantissimo e di giorno alle volte qualche incidente ancora le scappa (raro, ma succede tipo una volta in un mese), secondo me dipende anche dal fatto che beve tantissimo e, come la madre, ha una vescica mignon e deve sempre correre in bagno :))))
    Con il Vitellino invece credo sarà più facile, l'ho già iniziato a trovare asciutto qualche volta la mattina e passa diverse ore senza bagnare.
    Comunque trovo che l'EC sia davvero fantastico e chi riesce a portarlo avanti fin dalla nascita ha davvero tutta la mia ammirazione.

    Rispondi

    • Daria

      Daria

      17 Febbraio 2014 at 22:23 |
      Eh, si come hai visto anche tu ogni caso è a sè ed è giusto che sia così. Io ho inteso l'EC anche come un "dialogo" su argomento in più con le bimbe e penso che stia a noi metterci nella giusta lunghezza d'onda anche in questo campo. Con la mia seconda è stato un po' diverso, era meno regolare di Alice e ha avuto dei ritorni ai pannolini che Alice non aveva avuto... però alla fine anche con lei è andata più che bene infatti a 18 mesi era spannolinata. La mia seconda esperienza la trovi qui se ti va di leggerla: http://www.goccedaria.it/item/addio-ai-pannolini-atto-secondo.html
      Ora passo a trovarti!

      Rispondi

Lascia un commento

Stai commentando come ospite. Login opzionale sotto.


Anti-spam: complete the taskJoomla CAPTCHA

Login

Per commentare più agevolmente (senza che ti venga richiesto il codice captcha) registrati e fai il login quando entri nel sito. In questo modo l'approvazione dei commenti verrà richiesta solo la prima volta e poi sarà automatica
PS: purtroppo sono stata costretta per gli utenti non registrati a inserire i codici captcha a causa dell'eccesso di spam che finiva col bloccare il sito. Grazie!

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione cookie policy