in cucina

DSCF1353 gd

Salva

Salva

Salva

Salva

con i piccoli

DSCF5750 rit

 

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

a piedi o in spalla

IMG 20170902 170039 2

 

Salva

Salva

Salva

Salva

orto e giardino

IMG 20171019 131503

 

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Pan-brioche

on Domenica, 26 Febbraio 2012. Posted in cucina

Pan-brioche

Fra tutti i tipi di pane che ho pubblicato manca un pan-dolce da colazione, un pan-brioche... e a dire il vero non lo faccio quasi mai, però la ricetta di Donella sul gruppo della pasta madre su Facebook mi ispirava tantissimo così ho deciso di provarlo con alcune modifiche (piccole) sugli ingredienti. Tra la'ltro la ricetta è molto simile a quella delle ciambelline "Roberta" che avevo già provato all'incontro alle Barbarighe. Il risultato è stato veramente soddisfacente, non posso che consigliarlo a tutti!

Ingredienti:

  • 200 gr pasta madre (io l'avevo rinfrescata la mattina prestino e lasciata lievitare per 4 ore, ma potete usarne di rinfrescata la sera prima)
  • succo e buccia di un'arancia
  • latte di riso quanto basta (la ricetta prevedeva latte vaccino)
  • 100 gr malto di mais (la ricetta prevedeva zucchero di canna)
  • 60 gr olio di semi di girasole biologico spremuto a freddo
  • 1 pizzico di sale
  • circa 500 gr di farina di farro

Grattuggiare la buccia dell'arancia e spremerla, misurare il succo e aggiungere latte di riso fino ad arrivare a 200 ml. Sciogliere la pasta madre nel succo più latte e mescolare bene. Aggiungere gli altri ingredienti liquidi (olio, malto) e il pizzico di sale e mescolare. Aggiungere gradualmente la farina mescolando col cucchiaio e quando non si riesce più nella terrina passare sulla spianatoia e impastare bene fino ad avere una bella palla liscia, morbida e omogenea. Mettere a riposare nel forno spento coperta da un canovaccio per 3 ore. 

Riprendere l'impasto, tagliarne col coltello una fettina e metterla da parte. Stensere la parte rimanente grossolanamente con le dita in forma quadrata, fare le pieghe una volta, ristendere e ripiegare con piega a portafoglio per ottenere una sorta di filone.

Per fare la piega a portafoglio (sfrutto di nuovo le foto di Alessia... :-) grazie!), si ripiegano gli angoli verso l'interno quasi a formare una busta, poi il lembo della "busta" si chiude, e infine si arrotola su stessa per avere il filone.

409150 3020268899957 1059700433 3028274 1821819696 n 418602 3020269739978 1059700433 3028275 833566854 n

Posiamo nella teglia da plumcake foderata di carta forno il filone e tagliamo il pezzetto che avevamo tenuto da parte in 3 fettine lunghe che poi intrecciamo. Posiamo la treccia sopra al filone:

2012 0225027

e rimettiamo a lievitare per 6 o anche di più: lievitando dovrebbe raggiungere il bordo della teglia.

A fine lievitazione accendiamo il forno a 180° (io ho usato ventilato questa volta) e nel frattempo prepariamo una tazzina con malto sciolto in un po' d'acqua e spenelliamo la superficie.

2012 0225042

Quando il forno è in temperatura inforno per 35 minuti. Appena estratto dal forno ho spenellato di nuovo con malto e poi con latte di riso e messo a raffreddare nel forno spento aperto.

Quando freddo ho avvolto nel canovaccio.

Peccato che togliendolo dalla teglia si sia rovinato un angolo... comunque bello e buonissimo per colazione o per merenda, molto molto morbido!

2012 0226002

Commenti (22)

  • Donella

    Donella

    29 Febbraio 2012 at 12:06 |
    Complimenti per il post, dettagliato ed esaustivo, e per le belle foto ^ ^ non mi resta che confermare la bontà di questa briosciona ,gustata nella versione non veganizzata, ma le differenze sono veramente poche. Grazie per avermi citato nel tuo blog, veramente interessante ;)

    Rispondi

  • Nadia Barbagelata

    Nadia Barbagelata

    01 Marzo 2012 at 09:41 |
    Ciao Daria, oggi proverò questa ricetta. La prima con la mia pasta madre autoprodotta...speriamo bene!
    Ho rinfrescato ieri pomeriggio e poi messo in frigo. Il problema è che potrò iniziare oggi dopo pranzo quindi dovrò far fare la lievitazione lunga (le tue 6 ore) per tutta la notte, pensi possa essere un problema?
    Nel frattempo ho anche richiesto di entrare a far parte del gruppo della pasta madre su facebook!
    ciao e grazie

    Rispondi

    • Daria

      Daria

      01 Marzo 2012 at 10:27 |
      Ciao Nadia, se prepari l'impasto oggi pomeriggio, mettilo a lievitare in frigo nel punto meno freddo, poi domani lo tiri fuori almeno un'ora prima prima di procedere alla cottura. Fammi sapere come ti è venuto!

      Rispondi

  • Nadia Barbagelata

    Nadia Barbagelata

    01 Marzo 2012 at 10:39 |
    Grazie Daria!
    Ma quindi la metto in frigo quando è già nella teglia da plumcake? Non ho il malto, posso usare il miele anche per spennellare?
    grazie infinite, ti farò sapere sicuramente
    nadia

    Rispondi

    • Daria

      Daria

      01 Marzo 2012 at 10:54 |
      Io farei così, la metterei in frigo nella sua teglia... Si puoi usare il miele al posto del malto. A presto!

      Rispondi

  • Nadia Barbagelata

    Nadia Barbagelata

    03 Marzo 2012 at 15:19 |
    Fatto! Meraviglioso...sono molto soddisfatta della mia prima ricetta! La prossima volta devo solo farlo cuocere un pochino di più, si vede che il mio forno è più "lento" ;-)
    Come lo conservo?
    Grazie ancora dei preziosi consiglI
    Ciao

    Rispondi

    • Daria

      Daria

      03 Marzo 2012 at 15:23 |
      Bene! Mi fa molto piacere! Io lo tengo avvolto in un canovaccio

      Rispondi

  • Tiz

    Tiz

    07 Marzo 2012 at 20:13 |
    Provata anche questa! Non avevo arance in casa, quindi ho usato solo latte di riso, inoltre ho usato zucchero di canna come nell'"originale"... ottima è dir poco! Quando mia mamma l'ha vista e mi ha chiesto quanta farina avessi impastato non voleva crederci... è venuta una brioschona enorme!

    Rispondi

    • Daria

      Daria

      07 Marzo 2012 at 22:33 |
      Vero! Cresce tantissimo!

      Rispondi

  • Maria

    Maria

    08 Novembre 2012 at 18:18 |
    devo provare anche questA!!! ORMAI SONO PM DIPENDENTE!!!!

    Rispondi

  • Maria

    Maria

    08 Novembre 2012 at 20:24 |
    se stasera preparo l'impasto la prima lievitazione può andare in frigo? poi domatina vorrei dare forma verso le 6.30 e poi lascio lievitare fino alle 16:30 quando rientro a casa. è ok?

    Rispondi

    • Daria

      Daria

      08 Novembre 2012 at 20:54 |
      Ciao Maria, si puoi fare la prima lievitazione in frigo, impasti e poi lo metti subito in frigo. Visto che darai forma senza aspettare che si ambienti, possono starci anche le 10 ore di lievitazione, logicamente non metterlo troppo al caldo, direi al max 20°. Ciao!

      Rispondi

  • Maria

    Maria

    08 Novembre 2012 at 21:01 |
    grazie mille Daria! forno chiuso senza lucina va bene? grazie mille ancora. ora sto asp la lievitazione del rinfresco...alle 22.30 impasto poi via a nanna :) sperando che lo gnometto mi faccia dormire vista la vaccinazione di oggi :(

    Rispondi

    • Daria

      Daria

      08 Novembre 2012 at 23:05 |
      Si, direi che va bene in forno spento senza luce, mi raccomando! Buona notte, a te e al piccolo!

      Rispondi

      • Maria

        Maria

        10 Novembre 2012 at 15:45 |
        Ciao Daria!!! è buonissimo!!!! poi senza burro e uova...questa cosa mi piace molto!!!!!!!!!!!!!! grazziiiiiiiiiiiieeeeeeeeeeeeee

        Rispondi

        • Daria

          Daria

          10 Novembre 2012 at 16:07 |
          Son contenta che vi piaccia Maria, è fra i nostri preferiti... semplice, gustoso e sano! Alla prossima!

          Rispondi

          • Maria

            Maria

            10 Novembre 2012 at 20:09 |
            ha apprezzato anche Daniele sei mese e mezzo in fase di autosvezzamento...

            Rispondi

            • Daria

              Daria

              10 Novembre 2012 at 22:33 |
              E lo immagino! :-)

              Rispondi

  • Paola

    Paola

    13 Febbraio 2013 at 14:53 |
    Ciao Daria, continuo a cimentarmi con le tue ricette...al posto della farina di farro, potrei usare un mix di cereali tipo segale, orzo? grazie!

    Rispondi

    • Daria

      Daria

      13 Febbraio 2013 at 22:14 |
      Ciao Paola, direi di si, però metterei al massimo un 30% di cereali poco o per nulla glutinosi come segale e orzo o anche miglio e grano saraceno, più che altro perchè rischi l'effetto mattoncino... Eventualmente invece puoi variare il tipo di farro o usare del grano duro o del khorasan. Fammi sapere se provi!

      Rispondi

  • Tiziana

    Tiziana

    30 Gennaio 2016 at 10:41 |
    Sono partita dalla tua ricetta, modificandola come segue:
    150gr di farina di farro
    250gr di farina 0
    250 gr di licolì
    latte d'avena (sono andata ad occhio)
    50gr di mascobado
    30gr di olio di semi di girasole (aggiunti a fine impasto)
    impastato la sera (l'impasto era molto morbido) e lasciato a lievitare in forno tutta la notte. Triplicato! Morbidissimo dentro e croccantino fuori... grazie per l'ispirazione!!!

    Rispondi

    • Daria

      Daria

      30 Gennaio 2016 at 15:10 |
      Ottima anche la tua versione, son contenta di averti ispirato! Se ti va di mandarmi una foto la aggiungo alle ricette provate e modificate da voi assieme alla tua ricetta!

      Rispondi

Lascia un commento

Stai commentando come ospite. Login opzionale sotto.


Anti-spam: complete the taskJoomla CAPTCHA

Login

Per commentare più agevolmente (senza che ti venga richiesto il codice captcha) registrati e fai il login quando entri nel sito. In questo modo l'approvazione dei commenti verrà richiesta solo la prima volta e poi sarà automatica
PS: purtroppo sono stata costretta per gli utenti non registrati a inserire i codici captcha a causa dell'eccesso di spam che finiva col bloccare il sito. Grazie!

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione cookie policy