in cucina

DSCF1353 gd

Salva

Salva

Salva

Salva

con i piccoli

DSCF5750 rit

 

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

a piedi o in spalla

IMG 20170902 170039 2

 

Salva

Salva

Salva

Salva

orto e giardino

IMG 20171019 131503

 

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Seminare il futuro e crackers crudisti

on Lunedì, 20 Ottobre 2014. Posted in orto, cucina

Seminare il futuro e crackers crudisti

Pensavo di riuscire a raccontarvi prima l'esperienza di Seminare il futuro, invece è già passata una settimana e solo ora riesco a trovare il tempo di mettere in ordine le sensazioni in questo post.

DSCF1920-bn

E' domenica mattina, giornata che si presenta grigia e nebbiosa, di quelle tipiche autunnali della nostra pianura padana, quando partiamo alla volta dei campi dell'azienda agricola Miola Francesco, nostro fornitore del gas, che ospiterà Seminare il futuro.

DSCF1908-gd

Arriviamo belli carichi e assieme ad un nutrito gruppo di persone ascoltiamo la presentazione del rappresentante della Ecor - NaturaSì che ha organizzato l'evento e poi quelle di Francesco, salutate dall'arrivo del sole. Con un caldo sole ottobrino ci dividiamo in due file per seminare un campo di grano tenero: ci incontreremo a metà donandoci un abbraccio!

DSCF1943-gd

DSCF1955-gdFrancesco e Severino ci mostrano l'antico gesto della semina, ampio movimento del braccio per disperdere omogeneamente i semi, un gesto che dopo poche volte che lo si ripete diventa automatico, ci mette in contatto con i nostri nonni e quanti prima di loro lo hanno ripetuto stagione dopo stagione. Non si parla mentre si semina, si pensa molto però... io con Lorenzo in spalla e le bimbe al fianco, ho pensato alla terra, me ne sono sentita parte in quanto madre, l'ho ringraziata per essersi presa in carico i semi e perchè li custodirà e poi li farà germogliare e crescere. Ho pensato al futuro, a quando il grano comincerà a crescere e poi maturerà, torneremo di certo a trovare i nostri semi e spero di riuscire a vederne il frutto e magari macinarli e gustarli in un buon pane.

Mi sono anche sentita un tutt'uno con gli altri seminatori, ognuno di noi aveva gli occhi che brillavano di gioia, consapevole che anche nel resto d'Italia nello stesso momento c'erano molte altre persone che che stavano compiendo lo stesso gesto.

DSCF1952-gd

Ho sentito la tranquillità di Lorenzo che in spalla dormiva beato e che una volta sveglio si guardava attorno incuriosito dalla nuova situazione, ma assolutamente tranquillo e a suo agio, tanto da concedersi beatamente una gustosa poppata seduti sulla terra e ho pensato a come in passato il portare i bimbi nei campi dovesse essere una necessità.

Stanchi dalla mattinata di lavoro ci aspettava a seguire un ottimo buffet, che purtroppo non ho immortalato. Però ho chiesto di portare a casa gli scarti dell'estratto che ci siamo bevuti fresco appena fatto sul posto e con questi ci ho confezionato dei crackers crudisti appena dolci da abbinare a marmellate o salse salate. Questi cracker li dedico a Francesco e Silvana.

Crackers alla frutta

DSCF2016-gd

Ingredienti:

  • 125 gr di semi di lino
  • 430 gr di scarto di estratto di mela, carota e limone
  • 7-8 datteri medjul
  • 1 pizzico di sale fino integrale

Preparazione:

Se come me non avete l'estrattore, procuratevi degli scarti da qualche amico generoso, oppure potete usare quelli da cetrifuga o ancora frullare la frutta, schiacciarla e strizzarla in una garza per estarre il succo e recuperare la polpa. Mettere in una ciotola i semi di lino e coprirli per bene di acqua, lasciarli ammollare per 2 ore, finchè si sarà creata una gelatina.

Versare in un mixer i semi di lino e i datteri tagliati a pezzettini e snocciolati. Aggiungere il sale e la polpa della frutta e frullare bene. RIvestire i cassetti dell'essicatore con carta forno e disporvi l'impasto ottenuto stendendolo bene con una spatola. Mettere ad essiccare con programma crudista (40°) per 12 ore, girando le sfoglie dall'altra parte dopo 8 ore. Verificare che siano ben secche da entrambe le parti prima di ritirare ed eventualmente tagliare a pezzi. Si conservano benissimo per più di una settimana in un contenitore di plastica chiuso.

Commenti (8)

  • MARI

    MARI

    20 Ottobre 2014 at 15:20 |
    La vicinanza alla terra vi rende ancor più belli! :-)
    Questi cracker dolci devono essere ottimi per le merende pomeridiane! :-)

    Rispondi

    • Daria

      Daria

      20 Ottobre 2014 at 22:13 |
      Grazie cara troppo gentile! Ho gli ultimi pezzettini da finire e oggi li ho gustati con sopra la purea di mela e cannella, proprio buoni!

      Rispondi

  • Felicia

    Felicia

    21 Ottobre 2014 at 07:06 |
    Bellissima iniziativa, stupendi voi tutti... ma quanto è cresciuto Lorenzo!!!! è davvero bello vederti. Ottimi crackers dolci, anch'io questa mattina ho pubblicato la mia ultima ricetta dolce.... decisamente più rustici :-) Che voglia di crackers e marmellata!!!!

    Rispondi

    • Daria

      Daria

      21 Ottobre 2014 at 09:37 |
      Sono sfiziosetti, si gustano bene in qualunque momento della giornata e sono comodi da portare in borsa in un sacchettino. Non so come facevo prima di avere l'essicatore! ;-)

      Rispondi

  • Claudia GranoSalis

    Claudia GranoSalis

    29 Ottobre 2014 at 12:28 |
    Ho provato lo scorso anno a partecipare a quest'iniziativa qui nella mia zona, ma l'evento è stato annullato per maltempo e quest'anno invece ero io ad essere annullata :-) e non ho potuto partecipare. Dev'essere un'esperienza molto bella, soprattutto per i bambini, per rimetterli a contatto con l'origine del loro cibo. Certo con te sono già a posto da questo punto di vista, ma in questi casi meglio abbondare…che poi si saranno pure divertite un sacco, le tue bimbe!
    Terrò in archivio questa ricetta, faccio spesso succhi di mela, carota e zenzero, grazie!

    Rispondi

    • Daria

      Daria

      29 Ottobre 2014 at 15:36 |
      Hai ragione è un'esperienza bellissima soprattutto perchè è condivisa e per il fatto che si rendono conto di quanto lavoro ci vuole per ottenere il grano e poi la farina... torneremo a vedere come crescono le piantine!

      Rispondi

  • paola

    paola

    30 Marzo 2015 at 14:17 |
    ciao, stavo cercando le foto di te con la fascia e lorenzo sulla schiena...perchè io uso una legatura diversa e alla mia bimba non piace proprio! Lei sta benone davanti e sul fianco, ma visti i suoi ormai 9 kg...per me è insostenibile (nel vero senso del termine...)
    Hai una spiegazione di questa legatura per favore?

    ah, tra l'altro vorrei fare questi crackers e le ciambelle che hai postato qualche giorno fa, ma non ho l'essicatore (dovrei chiederlo ai suoceri)...dici che al forno potrebbero venire?

    Rispondi

    • Daria

      Daria

      30 Marzo 2015 at 16:45 |
      Ciao Paola, questa è la legatura amaca doppia con finitura a spina di pesce. Ti lascio i link ai video. Qui la legatura base (come partire): https://www.youtube.com/watch?v=aPeFVAKQiCY
      e qui la finitura sul davanti: https://www.youtube.com/watch?v=aDMrSgOFRts
      Io la trovo comodissima e anche Lorenzo la gradisce molto.
      Per i crackers e le ciambelline, se usi il forno lo devi impostare a minimo (per esempio il mio arriva a 50°), sicuramente basterà meno tempo, il mio consiglio è di controllare ogni tanto che si secchino troppo. Fammi sapere se provi!

      Rispondi

Lascia un commento

Stai commentando come ospite. Login opzionale sotto.


Anti-spam: complete the taskJoomla CAPTCHA

Login

Per commentare più agevolmente (senza che ti venga richiesto il codice captcha) registrati e fai il login quando entri nel sito. In questo modo l'approvazione dei commenti verrà richiesta solo la prima volta e poi sarà automatica
PS: purtroppo sono stata costretta per gli utenti non registrati a inserire i codici captcha a causa dell'eccesso di spam che finiva col bloccare il sito. Grazie!

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione cookie policy