in cucina

IMG 20161208 122722

Salva

Salva

Salva

con i piccoli

IMG 20170127 104057

 

Salva

Salva

Salva

Salva

a piedi o in spalla

DSCF3423 2

 

Salva

Salva

Salva

orto e giardino

DSCF2486 gd

 

Salva

Salva

Salva

Salva

Conservare l'estate

on Giovedì, 22 Agosto 2013. Posted in libri, cucina

Conservare l'estate

Ritorno finalmente a proporvi un libro per il giovedì del libro di Annalisa, Passato tra le mani, e si tratta come intuirete dal titolo di un libro adattissimo per questo periodo in cui ogni momento libero è occupato proprio nell'autoproduzione per la conservazione di frutta e verdura estive. Chi mi segue lo sa che sono appassionata della conservazione e quest'anno complice l'essicatore ho sperimentato anche l'essicazione di molta frutta e verdura. E' un metodo che mi piace, perchè si ha un prodotto che non occupa molto spazio e che nutrizionalmente rimane ricco, inoltre il lavoro da fare è decisamente poco! Ma oltre all'essicazione sto facendo conserve di pomodoro di vari tipi, marmellate, liquorini (che io non bevo, ma uso per i regali natalizi e per occasioni varie), sott'aceti... Questo libro dall'estetica molto accattivante, edizioni Del Baldo, è utile a chi si avvicina al mondo della conservazione.

giovedi-del-libro-di-cucina

 Il libro ha una bella parte introduttiva in cui spiega quale frutta e verdura scegliere e in quale stagione, gli strumenti necessari, i metodi per sterilizzare i barattoli e come riempirli, come fare la sterilizzazione e come conservare i barattoli. Poi spiega sinteticamente i vari tipi di conservazione: a temperatura ambiente, al freddo, in atmosfera protetta, sottovuoto, disidratando... Divide i metodi chimici naturali (sole, salamoia, zucchero, agrodolce, aceto, olio, alcol) da quelli artificiali con additivi chimici e accenna alla fermentazione. A quest'ultimo metodo sfortunatamente non è dedicato molto spazio, mi sarebbe piaciuto che ci fossero delle ricettine...

Successivamente ci sono le ricette, prima quelle con verdura (sott'olio, sott'aceto, sughi, creme...) fra le quali si alternano delle schede grafiche con le immagini dei vari ortaggi, poi la frutta con ricette per confetture, marmellate, chutney, gelatine, sciroppi, canditi. Seguono gli sciroppi alcolici, i liquori, le grappe.

Quindi fra una marmellata, la passata e le verdure secche eccomi a preparare il genepy secondo la ricetta che trovate sul libro... con l'achillea raccolta in montagna e la menta di casa.

DSCF2256

Vi lascio la ricetta

Genepì

Ingredienti:

  • 20 gr di achillea
  • 5 gr di menta
  • 5 gr di anice
  • 3 gr di assenzio (io non l'avevo e non l'ho messo)
  • 5 gr di isoppo
  • 4 gr di semi di garofano
  • 1 gr di noce moscata
  • 400 gr di zucchero (io ho usato quello integrale di canna tipo muscovado)
  • 300 ml di alcol a 95 gradi
  • 400 ml acqua

Preparazione:

Tutte le erbe vanno messe a macerare nell'alcol per 2 settimane, agitando ogni giorno.

Eccolo la bottiglia con le erbe a macerare nell'alcol

DSCF2261

Passate le due settimane si prepara uno sciroppo con lo zucchero sciolto nell'acqua (basta scaldarlo finchè si scioglie). Si lascia raffreddare. Si filtra l'alcol con le erbe e si versa sullo sciroppo, si mescola per bene, si lasciano amalgamare per un giorno e poi si imbottiglia. Il liquore va consumato dopo almeno 6 mesi dalla preparazione.

Voi cosa state producendo e conservando?

Commenti (13)

  • MARI

    MARI

    22 Agosto 2013 at 13:20 |
    Bello questo libro! mi piacerebbe conservare delle verdure (tipo pomodori, peperoni o melanzane sott'olio).
    Inoltre è da tempo che cerco qualcosa per conservare le olive: ho 4 grandi ulivi di cui due producono le olive grosse, grosse. Per un certo periodo le ho conservate in salamoia, ma il risultato non mi ha soddisfatto del tutto... qualcuno mi ha detto di provare a metterle sotto sale... devo trovare le dosi. Questo libro mi può essere d'aiuto?

    Rispondi

    • Daria

      Daria

      22 Agosto 2013 at 14:55 |
      Ciao Mari, che bello avere degli ulivi produttivi! sul libro ci sono alcune pagine dedicate alle olive e alcune ricette per conservarle: olive nere passite, olive nere sott'olio, olive verdi in salamoia, olive in concia, olive in salamoia ligure.

      Rispondi

      • MARI

        MARI

        22 Agosto 2013 at 16:43 |
        GRAZIE INFINITE! !!!!!
        ... in questo periodo sono in vena di sperimentare... chissà che riesca bene qualcosa!?! :-)

        Rispondi

        • Daria

          Daria

          22 Agosto 2013 at 21:21 |
          Sono sicura di si, anzi aspetto di leggere dei tuoi esperimenti!

          Rispondi

    • cettina

      cettina

      22 Agosto 2013 at 16:53 |
      ciao Mari, io le olive nere le metto sotto sale per due settimane al buio avendo cura di capovolgere il contenitore almeno una volta al giorno, trascorse le due settimane le metto in ammollo con aceto bianco per una notte, le pungo con uno stuzzicadenti e le conservo sott'olio con peperoncino a pezzi e fiori di finocchietto selvatico(a piacere)..sono squisite e non diventano molli....è un pò lungo come procedimento ma ne vale la pena.....

      Rispondi

      • Daria

        Daria

        22 Agosto 2013 at 21:20 |
        Grazie Cettina, tengo nota anch'io della tua ricetta, sia mai che mi capitino tra le mani delle olive! :-)

        Rispondi

        • MARI

          MARI

          23 Agosto 2013 at 08:51 |
          Grazie Cettina,
          proverò senz'altro la tua ricetta!
          ciao MARI

          Rispondi

  • edvige

    edvige

    22 Agosto 2013 at 15:24 |
    Io non sono come già detto una foodblogger, non è che mi piaccia tanto cucinare parliamo del sostentamento mangereccio giornaliero che ormai è molto parco per cui ogni tanto qualche leccornia si fa ma per il resto secondo e contorno o primo e contorno e solo cena,
    Adoro pasticciare inventare piatti quando ho amici a cena o il resto della banda familiare.
    Detto questo le conserve....si è una bella cosa ma io non ho ne la paziena e ne la voglia di cercare la materia prima. Purtroppo a Trieste le contadine che avevano l'orticello sull'altopiano non arrivano più in città ed ormai stanno scomparendo. Rimangono le famiglie che vivono nella cittadine dell'altpiano e che vicino alla villetta hanno il proprio orticello per il loro fabbisogno quindi...
    Quindi conservazione....niente però chissà perchè tengo nota lo stesso :) ciaoo e buona giornata.

    Rispondi

    • Daria

      Daria

      22 Agosto 2013 at 15:51 |
      :-) Mi fa sorridere la conclusione del tuo commento... forse la conservazione è nelle nostre corde e risponde ad una sorta di richiamo ancestrale come sostengono anche in questo libro. Io ne sento proprio l'esigenza, va un po' di pari passo al desiderio di raccogliere erbe e fiori (per mangiarli) in primavera!

      Rispondi

  • Anna&Ipa&Silo

    Anna&Ipa&Silo

    22 Agosto 2013 at 20:02 |
    Che meraviglia, instancabile come sempre! Grazie per la recensione!

    Rispondi

    • Daria

      Daria

      22 Agosto 2013 at 21:22 |
      Un piacere! Sto riprendendo gli appuntamenti librari che in questi ultimi mesi avevo un po' trascurato...

      Rispondi

  • Marta

    Marta

    09 Settembre 2013 at 14:38 |
    Si questo libro devo proprio cercarlo! Per ora preparo la passata di pomodoro (seguendo la tua ricetta), qualche marmellata (pesche, bacche, ecc) e i sciroppi che da poco ho scoperto quello di sambuco ed è piaciuto parecchio a tutta la famiglia! Spero di trovarne ancora visto che ne vorrei prepararne altro! :-)

    Rispondi

    • Daria

      Daria

      09 Settembre 2013 at 18:21 |
      Ah, buono lo sciroppo di sambuco anche con le bacche! In effetti è fra le ricette che non ho ancora pubblicato...

      Rispondi

Lascia un commento

Stai commentando come ospite. Login opzionale sotto.


Anti-spam: complete the taskJoomla CAPTCHA

Login

Per commentare più agevolmente (senza che ti venga richiesto il codice captcha) registrati e fai il login quando entri nel sito. In questo modo l'approvazione dei commenti verrà richiesta solo la prima volta e poi sarà automatica
PS: purtroppo sono stata costretta per gli utenti non registrati a inserire i codici captcha a causa dell'eccesso di spam che finiva col bloccare il sito. Grazie!

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione cookie policy