in cucina

DSCF1353 gd

Salva

Salva

Salva

Salva

con i piccoli

DSCF5750 rit

 

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

a piedi o in spalla

IMG 20170902 170039 2

 

Salva

Salva

Salva

Salva

orto e giardino

IMG 20171019 131503

 

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Filone integralissimo di farro

on Sabato, 10 Marzo 2012. Posted in cucina

Filone integralissimo di farro

Questo pane integrale mi è stato suggerito in una discussione sul gruppo sulla pasta madre su Facebook, nella quale si parlava del pane idrolitico. Io l'avevo già sperimentato altre volte (con la segale integrale), facendo riferimento agli articoli sul blog della Comunità della pasta madre, ma questa volta ho voluto provare a modificare il procedimento facendo un preimpasto con tutta la farina che avrei usato per l'impasto finale del pane.

Ho usato esclusivamente farina integrale di farro, anzi per la precisione sfarinato integrale di farro e la pasta madre era stata rinfrescata con la stessa farina.

Sono stata molto soddifatta del risultato: pane bello morbido, ben alveolato, gustoso.

Procedimento:

La sera prima di andare a letto (sulle 23) ho rinfrescato la pasta madre come al solito però utilizzando la farina integrale di farro e subito dopo ho fatto impastato 300 ml di acqua a temperatura ambiente con 500 gr della stessa farina: ho ottenuto un impasto morbido, al limite della lavorabilità col cucchiaio. Ho riposto questa palla a fianco della pasta madre rinfrescata, entrambe coperte da un canovaccio pulito e non profumato, a riposare nel forno spento per tutta la notte.

La mattina (diciamo sulle 8.00) ho ripreso la pasta madre rinfrescata e lievitata, ho messo da parte il solito pugno e ho mescolato il resto (ovvero circa 250 gr di pasta madre) all'impasto di acqua e farina che nella notte era diventato più "colloso". Diciamo che mescolarli non è stato semplice essendo l'impasto bello denso. Ho aggiunto un cucchiaino di malto d'orzo e un cucchiaino di sale fino integrale.

Ho infarinato per bene la spianatoia con la stessa farina e ci ho versato l'impasto: ho continuato a lavorarlo a mano senza aggiungere troppa farina. L'impasto si presentava molto ben lavorabile, mordissimo, molto idratato. Ottenuta una palla morbida, l'ho messa a lievitare nella ciotola di vetro, coperta dal solito canovaccio, per circa 3-4 ore. (Ogni tanto controllate la lievitazione che nel mio caso è stata piuttosto veloce)

Guardando dal fondo della ciotola di vetro vedevo gli alveoli ben formati:

2012 0309002

A questo punto ho ripreso l'impasto e l'ho versato dolcemente sulla spianatoia ben infarinata. L'ho steso delicatamente in forma quadrata e ho fatto la piega a portafoglio (la vedete qui). Ho riposto il filone su una teglia rivestita di carta forno e ci ho fatto dei tagli diagonali.

2012 0309004

Dopo meno di un'ora ho acceso il forno a 250° statico e ho versato nella teglia del forno posta nel ripiano più basso mezzo cm di acqua.

Quando il forno è arrivato in temperatura ho infornato per 15 minuti a 250° e per successivi 40 minuti a 200°. Appena infornato il filone era piuttosto piatto, è cresciuto durante la cottura, senza comunque creparsi in superficie.

Nella foto introduttiva sopra vedete il risultato appena sfornato e questa è la prova taglio fetta:

2012 0309012

A mio avviso un buon risultato... che dite?

Commenti (7)

  • xcesca

    xcesca

    11 Marzo 2012 at 21:32 |
    interessante questa cosa dell'idrolisi! immagino che in questo modo il pane 100% integrale venga meglio..
    ok, la voglia di provare c'è, e tanta.. vedo ora se riesco pure a trovare il tempo ;)

    Rispondi

  • jessica

    jessica

    06 Dicembre 2012 at 09:10 |
    sei riuscita a versare l'impasto sulla spianatoia senza rompere la maglia glutinica :)? mi spaventa questo passo, se metto troppa farina in fondo alla scodella mi asciuga troppo l'impasto... Si può rivestire la scodella di carta forno?

    Rispondi

    • Daria

      Daria

      06 Dicembre 2012 at 09:25 |
      Si, puoi farlo, oppure puoi mettere un goccio d'olio evo (ma poco mi raccomando...) io mi aiuto con un cucchiaio in legno...

      Rispondi

      • jessica

        jessica

        07 Dicembre 2012 at 16:49 |
        venuto buonissimo e alveolato! finalmente una ricetta con farro integrale riuscita :)

        Rispondi

        • Daria

          Daria

          07 Dicembre 2012 at 17:52 |
          Oh, che bello! Mi fa proprio piacere! Tra l'altro tutto di farro integrale ha un gusto e un profumo fantastico!

          Rispondi

  • patrizia

    patrizia

    20 Novembre 2013 at 15:04 |
    Ciao scusa una domanda ma non sono tanti 250 grammi di pm in 500 di farina?

    Rispondi

    • Daria

      Daria

      20 Novembre 2013 at 21:09 |
      In questo caso no, perchè la lievitazione è stata piuttosto breve, solo 3-4 ore + la seconda lievitazione. Se vuoi puoi usarne meno, la metà per esempio allungando i tempi di lievitazione.

      Rispondi

Lascia un commento

Stai commentando come ospite. Login opzionale sotto.


Anti-spam: complete the taskJoomla CAPTCHA

Login

Per commentare più agevolmente (senza che ti venga richiesto il codice captcha) registrati e fai il login quando entri nel sito. In questo modo l'approvazione dei commenti verrà richiesta solo la prima volta e poi sarà automatica
PS: purtroppo sono stata costretta per gli utenti non registrati a inserire i codici captcha a causa dell'eccesso di spam che finiva col bloccare il sito. Grazie!

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione cookie policy