in cucina

DSCF1353 gd

Salva

Salva

Salva

Salva

con i piccoli

DSCF5750 rit

 

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

a piedi o in spalla

IMG 20170902 170039 2

 

Salva

Salva

Salva

Salva

orto e giardino

IMG 20171019 131503

 

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Quando rabbia o furia prendono il sopravvento... qualche libro sul tema

on Venerdì, 18 Marzo 2016. Posted in libri

Quando rabbia o furia prendono il sopravvento... qualche libro sul tema

Quello di oggi è un tema "caldo" che emerge spesso in casa, originato in particolare dal temperamento di Elena, che però finisce col coinvolgere tutti... Fra i tre birbi Elena è appunto quella col carattere più forte, decisa, determinata e non disposta a venire a compromessi con nessuno. Tutti aspetti che personalmente ritengo utili e positivi, ma che attualmente sono spesso all'origine di frustazioni e di scontri (verbali) anche, anzi soprattutto, fra le mura domestiche. I miei pensieri al proposito sono ambivalenti: se da un lato ritengo giusto che la rabbia venga sfogata e la considero un sentimento normale e giusto, dall'altro mi piacerebbe che trovasse delle modalità di sfogo diverse, non così impetuose o lesive nei confronti suoi o dei suoi malcapitati fratelli.

Infatti spesso da un diverbio con uno di loro si arriva ai dispetti e da qui alle male parole o a scenate di pianti disperati e urla a cui io e Marco facciamo davvero fatica a far fronte. Mi devo mordere la lingua mille volte per intervenire solo quando è davvero necessario e lasciare che cerchino di risolvere i diverbi da soli e cerco di distrarmi per non ritrovarmi a urlare sopra le sue urla arrabbiate nel tentativo di arginarla. Diciamo che alcune volte ci riesco, altre un po' meno... per questo sono sempre alla ricerca di libri che parlino dell'argomento rabbia in modo positivo e propositivo, senza proporre di "chiuderla" o di "bloccarla" ma trovando dei modi non distruttivi di sfogarla. I libri di oggi sono quelli che mi sono piaciuti di più sull'argomento proprio per il modo in cui ne parlano e oltre che ad Elena sono certamente utili anche a me come genitore: non posso dire di certo di saper sempre canalizzare bene la mia rabbia!

Ma veniamo ai libri!

Mettiamo di essere al parco, di avere una voglia matta di andare sullo scivolo, ma ci sono un sacco di bambini prima e io non ho voglia di aspettare il mio turno... la furia monta sempre più e fa scappare tutti: ora si che il parco è libero e mi posso divertire! Perchè non portarsi a casa una Furia così utile e divertente?

DSCF1283

Ma non tutto fila così liscio, la furia infastidisce anche i familiari e rende la vita domestica e scolastica difficile... Sam non sa più cosa fare per bloccarla, ha ormai preso il sopravvento su di lui... Anche la mamma gli dice che solo lui stesso può risolvere la situazione e cercare di controllare la sua furia. Di nuovo al parco, la furia comincia a spadroneggiare, ma finalmente Sam riesce a guardarla da fuori e cerca di fermarsi e concentrarsi su altro: può essere utile contare fino a dieci, o dire l'alfabeto al contrario, ma soprattutto prendere coscienza del proprio corpo, respirare lentamente...

DSCF1285

Ora Sam sapeva come comportarsi se avesse di nuovo incrociato una Furia!

Il protagonista del secondo libro Mattia, invece, è in una situazione familiare a noi molto nota: è concentrato nel gioco e felice e soddisfatto per la torre che sta costruendo, quando il nonno lo chiama per la cena. Infastidito continua a giocare e non presta attenzione ai ripetuti richiami. L'ultimo richiamo lo innervosisce a tal punto che scoppia a piangere. Nel tentativo di calmarlo il nonno gli si avvicina e urta la torre facendola cadere: ecco esplodere la rabbia con dure parole verso il nonno. Il calmo invito del nonno è di sedersi con la sua rabbia. Ed eccola la rabbia, anche in questo caso impersonata da un mostriciattolo.

DSCF1287

Qui Mattia anzichè farsi convincere dalla rabbia a tornare dal nonno, si mette a ballare con lei, battono le mani sul pavimento, lo percuotono come un tamburo, finchè esausti si calmano e si mettono seduti a respirare. Il respiro calma definitivamente Mattia e la sua rabbia che diventa sempre più piccola. All'arrivo del nonno la rabbia non c'è più e ha lasciato il posto alle scuse e alla voglia di stare assieme e scoprire che anche il nonno ha conosciuto la sua rabbia un tempo.

DSCF1289

L'ultimo adorabile libro vede invece come protagoniste due sorelle: Virginia un giorno si sveglia con un lupo dentro che fa scappare tuttti e distruggere tutto quello che ha attorno.

DSCF1290

Solo la sorella riesce ad avvicinarla e cerca di fare di tutto per accontentarla e farla tornare di buonumore, ma non c'è verso. L'unico luogo che potrebbe farla felice è Bloomsberry: un posto perfetto, pieno di dolcetti glassati e bei fiori e alberi da arrampicarcisi sopra e niente niente maliconia.

DSCF1293

Purtroppo questo posto non esiste, ci pensa allora la sorella renderlo almeno in parte reale rappresentandolo sulle pareti della stanza... ecco che con l'ascolto e il gioco riesce a calmare il lupo che ha preso possesso della sorellina e il mattino dopo sarà di nuovo sè stessa pronta ad uscire a giocare.

CL151x168 10849sono arrabbiato 2358722856447 9788817071932

I libri di oggi sono:

Un cucciolo nero di nome Furia di Sangeeta Bhara e Marion Arbona Terre di mezzo editore (ringrazio Flora e le sue bimbe per averlo donato ad Alice ed Elena per Natale)

Sono arrabbiato di Gail Silver illuatrazioni di Christiane Kromer Terra Nuova Edizioni (questo è stato un regalo di compleanno per Elena)

Virginia Wolf - la bambina col lupo dentro di Kyo Maclear e Isabelle Arsenault ed. Rizzoli

Questo post partecipa al VdL di Paola Homedemama.

Trovate l'elenco completo in continuo aggiornamento dei libri che ho recensito QUI.

Commenti (6)

  • monica mimangiolallergia

    monica mimangiolallergia

    21 Marzo 2016 at 17:04 |
    Grazie! Ero proprio alla ricerca di libri a tema per un'educatrice che mi chiedeva consiglio!
    Segnalerò questa pagina:-D

    Rispondi

    • Daria

      Daria

      22 Marzo 2016 at 09:03 |
      Grazie Monica, son contenta che possa essere di aiuto...

      Rispondi

  • Patrizia

    Patrizia

    22 Marzo 2016 at 15:27 |
    Oh Daria, che conforto trovo da queste tue parole... Si certo Cristiano é figlio unico, ma credimi fa per tre... Mi trovo spesso a invidiare le mie amiche con figli pacati e calmi da non credere... Lo so che non dovrei, che ogni bimbo è speciale e unico e cristiano è un bambino particolarmente affettuoso e dolce, ma ha un temperamento davvero vulcanico, si arrabbia per niente, fa scenate isteriche, lancia le cose odia condividere e io spesso non riesco a restare calma...proveremo anche i libri che consigli... Grazie come sempre delle condivisioni

    Rispondi

    • Daria

      Daria

      22 Marzo 2016 at 22:34 |
      Ma guarda Patrizia, uno, due, tre, cinque... non importa quanti siano, spesso ne basta uno con temperamento più agitato per rendere le cose complicate. Nel nostro caso era ed è Elena ad avere il carattere più tosto. E' vero alcune giornate sono impossibili, ma quante cose impariamo da loro, fra cui anche a gestire i nostri stessi scatti d'ira nel modo più adatto. Per me ho trovato molto utile anche il libro "Crescerli con amore".
      A presto!

      Rispondi

  • Flora

    Flora

    28 Marzo 2016 at 19:05 |
    Cara Daria grazie a te! ..ch condividi con noi le realta'di tutti i giorni.Sono rimasta in sacco indietro con tutti i tuoi nuovi post ( ma adesso recupero!)..ma il lavoro mi ha assorbito in questi giorni ...tema davvero delicato e difficile a volte da affrontare sopratutto con i bambini andrò a cercare il libro che consigli perché non si è mai preparati abbastanza...Un abbraccio.

    Rispondi

    • Daria

      Daria

      29 Marzo 2016 at 10:29 |
      Ciao cara Flora, un piacere risentirti! Ho immaginato che in questo periodo fossi stata molto presa dal lavoro, spero che ora che è passata la Pasqua la morsa si allenti un po'... Ci sentiamo presto e un abbraccio a voi!

      Rispondi

Lascia un commento

Stai commentando come ospite. Login opzionale sotto.


Anti-spam: complete the taskJoomla CAPTCHA

Login

Per commentare più agevolmente (senza che ti venga richiesto il codice captcha) registrati e fai il login quando entri nel sito. In questo modo l'approvazione dei commenti verrà richiesta solo la prima volta e poi sarà automatica
PS: purtroppo sono stata costretta per gli utenti non registrati a inserire i codici captcha a causa dell'eccesso di spam che finiva col bloccare il sito. Grazie!

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione cookie policy