in cucina

IMG 20161208 122722

Salva

Salva

Salva

con i piccoli

IMG 20170901 193948 l

 

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

a piedi o in spalla

IMG 20170902 170039 2

 

Salva

Salva

Salva

Salva

orto e giardino

DSCF2486 gd

 

Salva

Salva

Salva

Salva

La mia pizza

on Giovedì, 23 Febbraio 2012. Posted in cucina

Come preparo la pizza e varianti di condimento...

La mia pizza

Terzo appuntamento con la panificazione dopo il rinfresco e il pane, ecco come preparo la pizza. Anche in questo caso si tratta del mio modo, quello che per me da risultati migliori, che prediligo anche per la semplicità di esecuzione. La pizza che ottengo ha una bella crosta alta e morbida, all'interno è sottile, ma non troppo, diciamo che la fetta non si piega sotto il peso degli ingredienti. 

Come sempre rinfresco la pasta madre la sera prima e la mattina dopo aver messo da parte il pugno per la panificazione successiva, scelgo se fare pane, pizza o altro o entrambi. Se uso tutta la pasta madre che mi rimane ottengo due teglie da forno o 4-5 pizze tonde, altrimenti faccio metà e ottengo una teglia di pizza e il resto della Gilda lo uso per farci il pane. Qui vi do le dosi per le due teglie, poi regolatevi di conseguenza.

Ingredienti per l'impasto:

250-300 gr di pasta madre rinfrescata la sera prima o da almeno 4 ore

300 ml acqua

1 cucchiaino sale fino integrale

3-4 cucchiai di olio evo

1 cucchiaino di malto d'orzo

circa 600 gr di farina (io uso grano duro o farro o kamut o enkir)

Sciolgo bene la pasta madre nell'acqua (temperatura ambiente), aggiungo il malto e l'olio e mescolo bene. Comincio ad aggiungere gradualmente la farina, mescolando col cucchiaio nella terrina. A metà impasto aggiungo il sale e continuo ad aggiungere farina. Quando l'impasto è troppo consistente per essere lavorato col cucchiaio lo passo sulla spianatoia e lo lavoro a mano fino ad ottenere una palla liscia, omogenea, morbida (impasto che scivola tra le mani) e non appiccicosa.

Metto a riposare nel forno spento coperto da un canovaccio pulito e non profumato per 5 ore.

Riprendo l'impasto che nel frattempo è ben lievitato e lo sposto delicatamente sul piano infarinato. Con un coltello grande da cucina lo taglio delicatamente in due parti o in 4-5 a seconda di quello che devo farci, se le due teglie o singole pizze. Prendo una delle parti e con le mani la schiaccio delicatamente in modo da avere una forma pressochè quadrata, faccio le pieghe una volta, poi rischiaccio, rifaccio la forma quadrata e stavolta piego in diagonale, portando verso il centro gli angoli. Giro e ottengo una palla. Ripeto l'operazione per tutte le parti di impasto. Lascio lievitare coperte le mie palline di impasto per un altro paio d'ore. 

Riprendo le palline di impasto e le stendo a mano una ad una sul piano infarinato, schiacciandole delicatamente cercando di non rompere le bolle d'aria che si sono create durante la lievitazione. Le lascio lievitare stese e coperte mentre preparo gli ingredienti per farcirle e mentre si scalda il forno al massimo (nel mio caso arriva a 260°).

Salsa di pomodoro: io uso la passata fatta in casa da mia mamma con i pomodori del nostro orto e il basilico, se è finita una passata biologica. La preparo aggiungendo un filo d'olio evo, sale, origano e mescolandoli bene.

Mozzarella: uso quella a caglio vegetale biologica, la rompo a pezzetti con le mani.

Verso la passata sulle pizze e quando il forno è in temperatura inforno, chiudo il forno e poi abbasso a 240°. Dopo 5-6 minuti aggiungo la mozzarella e gli altri eventuali ingredienti a seconda delle stagioni.

Questa qui sotto era una pizza con impasto all'enkir (si riconosce bene il colore giallo della farina) con pomodoro, mozzarella, cipolle rosse di Tropea e zucca (l'ultima del nostro orto dell'anno scorso).

2012 0216026

Già che ci sono vi mostro anche questa versione alternativa vegana che ho preparato recentemente per me ed Elena, senza pomodoro e latticini.

Mi è tornata alla mente una vecchia ricetta letta su veganblog non so quando, che non riesco a ritrovare che prevedeva l'utilizzo di una crema di lenticchie rosse al posto del pomodoro. Allora ho preparato questa crema ammollando le lenticchie per qualche ora in acqua e cuocendole fino allo scioglimento (basta una mezzoretta) in acqua. Ho aggiunto un pizzico di sale, un paio di cucchiai di olio evo e origano e mescolato bene questo purè che ho distribuito sulla pizza al posto del pomodoro. 

A metà cottura al posto della mozzarella ho messo il buonissimo vegrino o labneh alle erbe autoprodotto con yogurt di soia (arricchito con rosmarino, salvia e maggiorana tritati - vi rimando anche all'articolo di Ravanello Curioso) e anche qui cipolla di tropea e zucca. Una delizia che non mi aspettavo!

2012 0216025

PS: se non ho tempo di preparare l'impasto il giorno stesso, lo preparo il giorno prima e lo tengo a lievitare in frigorifero fino al pomeriggio del giorno dopo, quando lo estraggo per ricavarne le palline.

Commenti (3)

  • Cristina - Sìsonotuttimiei

    Cristina - Sìsonotuttimiei

    27 Febbraio 2012 at 11:33 |
    Bravissima, ho proprio lì la mia Tina rifrescata ieri sera. Mi sa che mi metto subito all'opera!

    Rispondi

  • francesca

    francesca

    14 Maggio 2015 at 09:41 |
    ciao, questa ormai da mesi è diventata la mia pizza ufficiale!!!!Buonissima!!! La faccio con farina tipo 2 di grano o di farro e con meno pasta madre perchè non riesco mai ad averne tanta (150-180 gr circa)!!! graziee!!
    una nota: la scorsa settimana avevo come al solito impastato e riposto in frigo (faccio sempre così perchè non ci sto coni tempi di lavoro) ma il giorno dopo ho avuto un imprevisto, quindi è rimasta in frigo un giorno in più!! Che dire la pizza più buona mai fatta!!!!!!!!!

    Rispondi

    • Daria

      Daria

      14 Maggio 2015 at 09:45 |
      Fai benissimo a diminuire la quantità di pasta madre, soprattutto visto che poi fai lievitazioni lunghe in frigo. SOno d'accordo con te, la permanenza al fresco giova parecchio all'impasto. Anche a me è capitato più volte di lasciarlo anche un paio di giorni prima di usarlo e ho sempre ottenuto una pizza buonissima! Grazie del feed back, che mi fa sempre molto piacere!

      Rispondi

Lascia un commento

Stai commentando come ospite. Login opzionale sotto.


Anti-spam: complete the taskJoomla CAPTCHA

Login

Per commentare più agevolmente (senza che ti venga richiesto il codice captcha) registrati e fai il login quando entri nel sito. In questo modo l'approvazione dei commenti verrà richiesta solo la prima volta e poi sarà automatica
PS: purtroppo sono stata costretta per gli utenti non registrati a inserire i codici captcha a causa dell'eccesso di spam che finiva col bloccare il sito. Grazie!

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione cookie policy