in cucina

IMG 20161208 122722

Salva

Salva

Salva

con i piccoli

IMG 20170127 104057

 

Salva

Salva

Salva

Salva

a piedi o in spalla

DSCF3423 2

 

Salva

Salva

Salva

orto e giardino

DSCF2486 gd

 

Salva

Salva

Salva

Salva

Tofu grigliato con agretti e carote

on Lunedì, 13 Aprile 2015. Posted in un po' di me, cucina

Tofu grigliato con agretti e carote

Guido piano la Vespa rossa su strade di campagna

capelli al vento

sole in faccia

respiro aria fresca

i campi mi scorrono attorno uno dopo l'altro

come i pensieri che vorrei scrivere

e fissare sulle nuvole leggere

invece si dissolvono

lasciando me più leggera.

DSCF6244 gd

Ingredienti (per 2-3 persone):

  • 1 mazzo di agretti freschi *
  • 2 carote bio
  • 2 panetti di tofu alle erbe
  • salsa shoyu qb
  • sale fino integrale qb
  • olio evo qb
  • origano qb

Preparazione:

L'anno scorso quando ho letto la ricetta dei nidi carote-agretti della bravissima Mari mi ero ripromessa di provarli appena sarei riuscita a recupare gli agretti. Quando quest'anno li ho visti mi è subito tornata alla mente la sua ricetta, purtroppo però non avevo il tempo per preparare gli gnocchetti e quindi ho optato per una preparazione più veloce, tutta in padella. A noi è piaciuta moltissimo, gustosa e veloce. Quindi ringrazio Mari per lo spunto e mi riservo di farei suoi gnocchetti deliziosi alla prossima occasione!

DSCF6202 gd

Per prima cosa tagliate il tofu a fette trasversali, ricavando da ogni panetto 3 fettine sottili. DIsponetele su un piatto e irroratelo con olio evo, salsa shoyu. Lasciate riposare. Lavate gli agretti e le carote sotto l'acqua corrente (passate le carote con la spazzola apposita). Con lo spaghettatore spaghettate le due carote per ottenere dei bei riccioli lunghi. Tagliate le radici agli agretti. Condite sia le carote che gli agretti con poco olio, sale e origano. Scaldate una padella antiaderente dal bordo basso e versate prima le carote. Fatele cuocere rigirandole finchè si saranno intenerite. Toglietele dal fuoco e mettete nella stessa padella gli agretti. In pochi minuti saranno teneri. Togliete anche loro e disponete le fette di tofu. Fatele rosolare da entrambi i lati e nel frattempo preparate i piatti disponendo attorno le carote e gli agretti. Quando il tofu sarà grigliato disporre un paio di fette al centro e condire con la salsa di marinatura. Servire subito. Delizioso!

DSCF6185 gd

* era da moltissimo che non mangiavo gli agretti, da noi chiamati "roscani", mi hanno riportato alla memoria i tempi in cui mio padre li trovava lungo le coste delle valli da pesca e ricordo come li gustavo felice da ragazzina. Io, invece, non ho mai avuto la fortuna di trovarli "selvatici", non saprei proprio ritrovare i luoghi dove li recuperava lui. In genere sono conosciuti col nome di "barba dl frate" e li potete trovare in questo periodo dell'anno anche da un buon fruttivendolo.

Interessante anche l'aspetto nutrizionale: sono ricchissimi di acqua e aiutano il nostro corpo a rimanere idratato ma allo stesso tempo a depurarsi dato che questa verdura tende a stimolare la diuresi. Gli agretti sono naturalmente ricchi di vitamine A e B e di sali minerali tra cui potassio, calcio, magnesio e ferro (utile quindi mangiarli anche in caso di anemia). Sono poi ricchi di fibre e di conseguenza stimolano le funzioni intestinali e hanno un discreto effetto lassativo.

DSCF6233 gd

Voi li conoscete? Come li preparate?

PS: ad accompagnare il post immagini dal mio week end di sole

Commenti (10)

  • Mari

    Mari

    13 Aprile 2015 at 14:15 |
    Questa tua versione dev'essere comunque deliziosa! Ho adocchiato anch'io gli agretti dal fruttivendolo...ma devo trovare quelli bio che mi ispirino!!! :-)
    Bacioni!

    Rispondi

    • Daria

      Daria

      13 Aprile 2015 at 16:29 |
      Eh, si... ci sono anche da noi vari fruttivendoli che tengono anche erbe spontanee, ma cerco sempre anch'io quelle bio o comunque di provenienza certa. A presto!

      Rispondi

  • Valentina

    Valentina

    13 Aprile 2015 at 22:34 |
    Che belle foto, Daria! e che gustosa ricetta!!
    Io amo gli agretti sin da quando ero bambina. Anche qui da noi si chiamano roscani e in questo periodo dell'anno praticamente tutti i fruttivendoli li vendono. Sono caretti, ma non mancano mai dalla tavola di un buon marchigiano. Piacciono tanto anche ad Attilio, mentre Elena li mangia solo se spezzati :/ . Qui si preparano in maniera molto semplice: lessati (io li faccio al vapore) e poi conditi con olio e poco sale, accompagnati da patate lesse, se serviti caldi. Se invece si servono freddi, li condiamo con olio, succo di limone ed aglio finemente tritato. Mmmmhhhh...una bontà!

    Rispondi

    • Daria

      Daria

      14 Aprile 2015 at 10:15 |
      Da noi si trovano con meno facilità e per molti sono un prodotto "sconosciuto": io ho avuto la fortuna che i miei genitori mi hanno sempre proposto le erbe spontanee e amavano raccoglierle, in questo modo mi hanno lasciato in eredità delle ottime conoscenze e l'amore per questi gusti non convenzionali.

      Rispondi

  • Felicia

    Felicia

    16 Aprile 2015 at 06:58 |
    Adoro gli agretti!!!! li ho cucinati lo scorso fine settimana, e sabato faccio il bis.... mi piace la tua versione, la dolcezza delle carote si abbina perfettamente al sapore degli agretti. Perfetto l'abbinamento con il tofu grigliato. :-)

    Rispondi

    • Daria

      Daria

      16 Aprile 2015 at 16:21 |
      Ciao cara Felicia, che piacere ritrovarti, da un po' che non ci sentivamo e le tue ricette cominciano a mancarmi! Spero che stiate bene...

      Rispondi

      • Roberta

        Roberta

        16 Aprile 2015 at 18:59 |
        Daria posso associarmi alla tua preoccupazione x le delizie di Feli ? Mancano anche qua a casa nostra!
        Un forte abbraccio e scusa x l'impudenza

        Rispondi

  • Felicia

    Felicia

    16 Aprile 2015 at 19:35 |
    Daria, Roberta... avete ragione, sto trascurando il blog :-( e non è da me. Mi mancate tantissimo, mi manca il blog e la condivisione. E' un periodo intenso, troppi impegni e tanto tempo fuori casa. Spero di ritornare ai vecchi ritmi al più presto. Un bacione ♥

    Rispondi

  • Grazia - Erbaviola

    Grazia - Erbaviola

    18 Aprile 2015 at 11:35 |
    cara Daria, che belli i tuoi pensieri, una poesia! :)

    Gli agretti sarei felice anche io di trovarli selvatici ... ma anche qui nulla! Eppure come te mi ricordo che mia nonna li trovava selvatici ma penso in zone più di pianura rispetto a dove sono io.
    Li consumo freschi, tagliati a pezzettini nell'insalata perché solo così si riescono ad assimilare tutti i minerali. In caso di cottura la gran parte va dispersa nell'acqua purtroppo! Oppure li faccio a vapore pochi minuti e poi conditi a parte, così la dispersione dei nutrienti è minima e posso mangiarli cotti. :) Un abbraccio!

    Rispondi

    • Daria

      Daria

      19 Aprile 2015 at 17:21 |
      Eh, hai ragione... in effetti il crudo rimane sempre il modo più salutare per consumarli...
      Un abbraccio a te!

      Rispondi

Lascia un commento

Stai commentando come ospite. Login opzionale sotto.


Anti-spam: complete the taskJoomla CAPTCHA

Login

Per commentare più agevolmente (senza che ti venga richiesto il codice captcha) registrati e fai il login quando entri nel sito. In questo modo l'approvazione dei commenti verrà richiesta solo la prima volta e poi sarà automatica
PS: purtroppo sono stata costretta per gli utenti non registrati a inserire i codici captcha a causa dell'eccesso di spam che finiva col bloccare il sito. Grazie!

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione cookie policy