in cucina

IMG 20161208 122722

Salva

Salva

Salva

con i piccoli

IMG 20170901 193948 l

 

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

a piedi o in spalla

IMG 20170902 170039 2

 

Salva

Salva

Salva

Salva

orto e giardino

DSCF2486 gd

 

Salva

Salva

Salva

Salva

5 anni (fa): Alice

on Domenica, 03 Marzo 2013. Posted in un po' di me

5 anni (fa): Alice

Oggi la mia principessa Alice compie 5 anni e in attesa della sua festa, finalmente riesco a raccontare senza troppo rammarico la storia del suo parto, guardando indietro senza quella sensazione di incompiuto che mi ha accompagnato per molto tempo...

Sono le 5.00 del mattino circa quando mi alzo diretta verso il bagno e mi ritrovo in un lago d'acqua: si è rotto il sacco! Ieri cadeva la dpp ed era stata una bellissima e calda giornata di sole, passata a passeggiare per Monselice, fin su alla rocca, col mio pancione e i miei chili in più... ebbene il gran momento era arrivato, non vedevo l'ora di conoscere il mio bimbo (anche con lei non ci eravamo fatti svelare il sesso), ero tranquilla e sicura, mi ero preparata al parto, non volevo interferenze e me lo immaginavo spontaneo e naturale.

Con calma mi vesto e faccio colazione, controllo che nella borsa ci sia tutto, prendo la macchina fotografica e sulle 7.00 ci avviamo verso il reparto. Al contrario di ieri è una giornata grigia, fredda e ventosa...

nascita-alice 2008 0303001In ospedale dopo visita e monitoraggio, appurato che sono a 3 cm, mi danno la stanza (doppia ma sono da sola per ora) e mi lasciano tranquilla a passeggiare: ottimo, mi perdo in chiacchere con le compagne del corso preparto che sono lì per i monitoraggi. Sento ogni tanto qualche contrazione, non regolare, ma sto bene. Guardo la grigia e ventosa giornata dalla finestra...

nascita-alice 2008 0304003

Peccato che le direttive del reparto non prevedano che io possa mangiare... (cosa che mi sembra assurda...) e mi tocca accontentarmi di un tremendo brodo per pranzo... subito dopo visita e monitoraggio... ok, si passa in sala parto visto che sono a 6 cm.

La mia gioia per vedere avvicinarsi il grande momento, viene però smorzata... intanto vogliono a tutti costi attaccarmi la flebo con ossitocina, che rifiuto categoricamente e in secondo luogo mi attaccano un monitoraggio continuo... alla faccia della libertà di movimento di cui si parlava al corso...

Almeno M. è con me, però così tutto è più difficile, le contrazioni sono più fastidiose... anche se nonostante tutto fra una l'altra riesco a rilassarmi e a pisocchiare...

Stava procedendo secondo me tutto per il meglio (a parte le fastidiose e a mio avviso inutili visite...) quando il monitoraggio rileva cali del battito cardiaco della piccola in concomitanza alle mie contrazioni: io sento il bisogno di muovermi, di alzarmi, al massimo ottengo di stare sul fianco... ma perchè? Sono a dilatazione quasi completa, non sarebbe più logico stare in piedi?

Ed ecco che sul più bello passa il ginecologo di turno (fine turno) e decreta che bisogna fare un cesareo per questa irregolarità del battito... 

Da lì è stato tutto tanto veloce, quanto triste... ero preoccupata per il piccolo, delusa... avevo freddo e le contrazioni e spinte continuavano... mi veniva da piangere...

Poi la gioia di avere la mia frugoletta fra le braccia, per fortuna subito, il rientro in reparto e vedermela portare quasi subito... per ora avevo altre priorità...

Ma già il secondo giorno la gioia di avere fra le braccia Alice, veniva continuamente interrotta da un rooming-in applicato solo parzialmente per le cesarizzate, dalla impossibilità di chiamare il nido direttamente dal letto (visto che il campanello era stato messo vicino alla porta della stanza e non ci potevo arrivare essendo allettata), dal vedere le altre mamme che potevano muoversi per il reparto con i loro piccoli e allattarli serenamente, mentre io (come anche la mia compagna di stanza) ero quasi bloccata a letto per i primi due giorni. Poi sentire continuamente messa in dubbio la mia capacità di allattare una bimba nata piccolina... 

nascita-alice 2008 0304002

Fortunatamente ho sempre avuto mio marito che mi è stato vicino e mi ha aiutato rimanendo tutto il tempo che poteva, accogliendo le mie lamentele e andando lui al nido. Inoltre già in gravidanza mi ero informata frequentando gli incontri fra mamme della LLL (Leache League) e leggendo i libri (avevo "L'arte dell'allattamento materno" sempre pronto sul comodino) e le telefonate con la consulente mentre ero in reparto mi hanno dato la forza di perseverare e di arrivare alle dimissioni con indicato "allattamento esclusivo al seno". 

Ma se con l'allattamento per fortuna tutto è andato per il meglio, la delusione del parto è rimasta latente per molto tempo: ho iniziato a leggere testi sul cesareo e sulla nascita indisturbata, a chiedermi se veramente fosse stato così necessario il mio cesareo, a informarmi sul vbac... insomma avevo una specie di fissa, di tarlo nella testa, la cosa non mi andava giù e sapevo che quando sarei stata di nuovo in dolce attesa avrei dovuto "lottare" per non ripetere un altro cesareo. Se la ferita esterna era ben rimarginata, quella interiore rimaneva aperta, doveva essere sanata in altro modo. 

DSCN0925

E' servito l'hbac di Elena, per mettermi il cuore sereno, ma anche il confronto con altre mamme che avevano vissuto esperienze simili... per arrivare alla fine ad accettare l'esperienza e a vederla come una ulteriore oppurtunità che mi è stata data, che mi ha dato la forza di cambiare e diventare molto più forte e determinata.

E allora auguri alla mia Alice che mi ha permesso anche questo cambiamento!

 

 

Commenti (20)

  • Felicia

    Felicia

    03 Marzo 2013 at 14:11 |
    Carissima.... mi viene da piangere....
    Purtroppo non sono mamma, non potrei comprendenti completamente o forse si... sei riuscita a trasmetterti tutti i tuoi stati d'animo, ho rivissuto con te la nascita di Alice.
    Sono felice che finalmente tutte le cicatrici si siano rimarginate :-) Domenica saremo a Ferrara tutti e tre: Io, Fausto e Frida, i fratelloni non ci sono, è impossibile muoversi con tutti e tre insieme :-)

    Rispondi

    • Daria

      Daria

      03 Marzo 2013 at 14:29 |
      Cara Felicia, sono sicura che comprendi benissimo...
      Non vedo l'ora di conoscervi tutti! Un abbraccio!

      Rispondi

  • Francesca

    Francesca

    03 Marzo 2013 at 15:06 |
    Ma allora auguriiiiiiiiiii!! Il tuo racconto mi ha commosso, non lo sapevo, sapevo solo della nascita in casa di Elena che VALE il doppio ora che so ;-)
    Io sono contenta di "non poter capire" perchè per quanto tutti e due in ospedale ma sono stati due parti bellissimi perchè ho fatto TUTTO IO!!! E sono contenta che tu abbia avuto la forza di rimarginare la ferita più profonda, ma conoscendoti un po ...... so che non sarebbe potuto essere altrimenti.
    Che dire? Un bacio alla Alice e tra 25 giorni tocca a Nuriye! Non sarà il caso di farle conoscere ste due creature marzoline??!?!?!?
    Un abbracio grande
    Francesca

    Rispondi

    • Daria

      Daria

      03 Marzo 2013 at 15:19 |
      Ma ciao, cara Francesca! Sai che non ricordavo che anche Nuriye fosse di marzo? Si,direi che sarebbe il caso di farle incontrare, tra l'altro stavamo pensando a concederci una vacanzina nelle marche fra qualche mese... quindi potrebbe essere! Un abbraccio a te!

      Rispondi

  • FRANCESCA EQUAZIONI

    FRANCESCA EQUAZIONI

    03 Marzo 2013 at 15:22 |
    giuro, non sono incinta. anche se mi viene da piangere ora che ho letto tutto d'un fiato il tuo racconto. anche se la storia della nascita di alice già la conoscevo, avendo avuto l'onore di un racconto a voce!
    ma l'emozione tra l'altro per vissuti simili è sempre forte.
    e ora, finita la parte malinconica e piagnucolona del commento....
    auguri alla 'piccola' alice e alla sua grandissima e fortissima mamma!

    Rispondi

    • Daria

      Daria

      03 Marzo 2013 at 15:31 |
      Ma come non sei incinta?! :-) non dirmi che temi un secondo Federico? :-)
      Eh, lo so che vieni anche tu da una storia simile e mi puoi capire per il discorso della rielaborazione e accettazione post-cesareo...
      Grazie degli auguri che riporto subito anche alla diretta interessata... che tra l'altro a proposito di far incontrare i piccoli, pochi giorni fa mi ha chiesto anche quando veniamo a trovarvi... :-)
      Un abbraccio!

      Rispondi

  • Zucchero D'Uva

    Zucchero D'Uva

    03 Marzo 2013 at 19:52 |
    Che belle queste foto che ti ricordano quei momenti, il mio parto resta impresso solo nella mia mente! Auguri per la tua piccola, la foto vicino al tuo maglione rosso è stupenda.

    Rispondi

    • Daria

      Daria

      04 Marzo 2013 at 23:11 |
      Le foto aiutano, ma i parti sono momenti in ogni caso indimenticabili...

      Rispondi

  • mammacuore

    mammacuore

    03 Marzo 2013 at 20:21 |
    Mi sembra di rivivere la nascita di Trottolina,la delusione e i pianti e la ferita che x me é ancora più che aperta..spero che la nuova nascita la sappia ricucire.auguri alla magica Alice.

    Rispondi

    • Daria

      Daria

      04 Marzo 2013 at 23:12 |
      E come ti capisco... incrocio le dita per te, anzi per voi! Un abbraccio!

      Rispondi

  • Ale

    Ale

    04 Marzo 2013 at 17:06 |
    Tanti auguri alla cucciola!!!
    E un abbraccione a te! ^_^

    Rispondi

    • Daria

      Daria

      04 Marzo 2013 at 23:12 |
      Grazie!

      Rispondi

  • Francesco

    Francesco

    04 Marzo 2013 at 18:05 |
    Anche noi abbiamo vissuto una situazione di questo genere, una operazione forse affrettata al nostro figlio più grande dopo 48 giorni dalla nascita (stenosi del piloro); ancora oggi ci chiediamo se fosse stata veramente necessaria.

    Ciao
    Francesco

    Rispondi

  • Graziana (La stanzetta inglese)

    Graziana (La stanzetta inglese)

    05 Marzo 2013 at 19:59 |
    Ciao Daria, sono rimasta molto colpita dalla tua foto post-cesareo...mi sembra di vedere me! Quei maledetti tubicini, e dover tenere il bimbo in quella posizione...ma vabbe'. - Graziana

    Rispondi

    • Daria

      Daria

      05 Marzo 2013 at 21:53 |
      Mamma mia se è vero! Non potersi muovere come si vorrebbe e abbracciare e coccolare per bene il proprio bimbo appena nato è forse fra le cose peggiori del cesareo... io ero proprio frustrata dal fatto di non poter prendermi cura per bene della piccola...

      Rispondi

  • Anna & Ipa&Silo

    Anna & Ipa&Silo

    05 Marzo 2013 at 22:34 |
    Auguroni! Mi sono commossa a leggerti..Non per il parto, ma per altre vicende con Ipa neonata capisco benissimo il 'tarlo' di cui parli, il sentirsi dilaniate tra il trattamenti che ricevi e ciò che sai. Sono contenta di vederti presto

    Rispondi

    • Daria

      Daria

      05 Marzo 2013 at 22:57 |
      Anch'io non vedo l'ora che arrivi sabato! una giornata di incontri...

      Rispondi

  • Maria Pia

    Maria Pia

    07 Marzo 2013 at 17:22 |
    Daria anch'io ho avuto ben due cesarei.
    Il primo programmato perchè mio figlio non cresceva e il flusso sanguigno era irregolare per cui si è deciso di farlo nascere alla 34 settimana: un topolino di 1,900kg e di 42 cm, tenerello.
    Il secondo figlio, dopo 3 anni, sembrava potesse nascere naturalmente ma a 10 giorni dal parto ho avuto un distacco totale della placenta e quindi cesareo d'urgenza.
    Un pò di delusione nel secondo caso lo ammetto (e qualche problema visto che non ho potuto vedere mio figlio prima di 10gg visto che eravamo in due strutture diverse perchè aveva un ematoma cerebrale) ma sono una persona che riesce ad accettare gli eventi con serenità anche perchè ho due splendidi ragazzi adesso (18 e 15 anni).
    Sono felice che tu sia riuscita a risolvere il tuo malessere e poi con due gioiellini come le tue bimbe non potrebbe essere diversamente

    Rispondi

    • Daria

      Daria

      07 Marzo 2013 at 22:38 |
      Ciao MariaPia, grazie del tuo racconto... in casi come i tuoi il cesareo è decisamente salvavita... decisamente giustificato. Nel mio caso penso che uno dei fattori che mi ha fatto vivere male il tutto, sia stato l'enorme dubbio che l'intervento non fosse realmente necessario, peggiorato poi dalle consuetudini del reparto.

      Rispondi

  • Monica

    Monica

    13 Aprile 2013 at 23:47 |
    Ho anch'io una foto simile alla tua!
    Fa tristezza pensare che un parto debba essere subìto e non vissuto serenamente in ogni momento a causa dell'insensibilità di alcune delle persone che in quei momenti dovrebbero essere lì ad aiutarti.
    Sono contenta che il tuo secondo parto abbia ricucito le ferite.
    Le mamme sono meravigliose: sanno ricucire meglio dei chirurghi ;)
    Monica

    Rispondi

Lascia un commento

Stai commentando come ospite. Login opzionale sotto.


Anti-spam: complete the taskJoomla CAPTCHA

Login

Per commentare più agevolmente (senza che ti venga richiesto il codice captcha) registrati e fai il login quando entri nel sito. In questo modo l'approvazione dei commenti verrà richiesta solo la prima volta e poi sarà automatica
PS: purtroppo sono stata costretta per gli utenti non registrati a inserire i codici captcha a causa dell'eccesso di spam che finiva col bloccare il sito. Grazie!

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione cookie policy