in cucina

IMG 20161208 122722

Salva

Salva

Salva

con i piccoli

IMG 20170901 193948 l

 

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

a piedi o in spalla

IMG 20170902 170039 2

 

Salva

Salva

Salva

Salva

orto e giardino

DSCF2486 gd

 

Salva

Salva

Salva

Salva

Ghiaccioli alla nocciola

on Lunedì, 22 Agosto 2016. Posted in giardino, cucina

Ghiaccioli alla nocciola

Sospendo momentaneamente i racconti montani per una ricettina facilissima che ho fatto in questi giorni in cui stiamo raccogliendo le prime nocciole dell'albero del giardino, compito che quest'anno si è accollato il piccolo Lorenzo che quotidianamente parte col suo trattore per fermarsi a raccogliere tutte le nocciole cadute sotto dall'albero e riempire il carretto del suo trattore! ;-)

Si raccoglie e quando serve si sgusciano quelle che servono, non di più, perchè è sempre meglio gustarle appena sgusciate, in questo modo conservano al meglio le loro proprietà nutrizionali.

IMG 20160808 121210

Salva

Uno degli usi che preferisco è farne il "latte" o bevanda di nocciole, che è delizioso, lo adoro a coazione! L'ultima volta ho pensato di usarne una parte per creare dei ghiaccioli, visto che fa ancora abbastanza caldo e che i bambini chiedono spesso una merenda fresca. Ne sono venuti degli ottimi calippi, molto gustosi e che eventualmente si possono arricchiare con pezzetti di cioccolato fondente, per farne una versione tipo stracciatella.

IMG 20160816 164450A voi la non-ricetta facilissima!

Ingredienti:

  • 100 gr di nocciole (nel mio caso del mio albero, sgusciate di fresco)
  • 500 ml di acqua
  • 1 pizzico di sale fino integrale
  • 2 cucchiai di sciroppo d'agave
  • stampini in silicone per ghiaccioli tipo calippo
  • cioccolato fondente del commercio equo - facoltativo

Preparazione:

Per prima cosa mettete in ammollo le nocciole sgusciate per 3-4 ore o per una notte. Scolate l'acqua di ammollo e cominciate a preparare la bevanda inserendo nell'estrattore alternativamente un po' di nocciole e un po' di acqua, fino all'asurimento dei due ingredienti. Aggiungete il sale e lo sciroppo d'agave e mescolate bene. Versate negli stampini la bevanda e se volete aggiungete alla fine qualche pezzetto di cioccolato fondente. Disponete in congelatore per almeno 6-8 ore. Quando avete voglia di qualcosa di fresco e goloso, ma sano avrete i vostri ghiaccioli pronti!

Logicamente se non avete l'estrattore potete prepararli con l'uso di un semplice frullatore, frullando le nocciole con l'acqua e filtrandolo con una garza che poi spremerete bene.

In entrambi i casi l'okara (ovvero la polpa che vi rimane) non va buttata, io per esempio l'ho usata per il dolce di pere e nocciole che vedete (il resto eragià stato divorato...) qui sotto! (PS: se vi interessa la ricetta ve la lascico nei commenti).

IMG 20160814 140931

Commenti (15)

  • Felicia

    Felicia

    23 Agosto 2016 at 06:04 |
    Bellissima idea, gustosi e sani ghiaccioli alla nocciola :-) Come te con le prime nocciole ho fatto il "latte" ma le mie nocciole quest'anno sono particolarmente amare.... e la bevanda è risultata imbevibile :-(

    Rispondi

    • Daria

      Daria

      24 Agosto 2016 at 17:28 |
      Ma che strano Felicia! Davvero un peccato...

      Rispondi

  • Consuelo

    Consuelo

    23 Agosto 2016 at 21:44 |
    Non ho mai fatto un gelato/ghiacciolo alla nocciola e non sai come assaggerei volentieri il tuo :-P

    Rispondi

    • Daria

      Daria

      24 Agosto 2016 at 17:28 |
      :-D Volentieri te ne offirei uno!

      Rispondi

  • Mari

    Mari

    24 Agosto 2016 at 18:00 |
    Lo sai che mi piace molto il latte di nocciole, ma non avevo pensato di farne dei ghiaccioli! certo che con delle gocce di cioccolato all'interno sono una vera golosità! Perchè no? per questi giorni ancor caldi d'estate mi cimento anch'io... e vai di nocciole!!
    PS: ha,ha!! mi par di vederlo il piccolo Lorenzo con il suo trattore e i riccioli al sole!!! che tesoro!!! :-)

    Rispondi

    • Daria

      Daria

      26 Agosto 2016 at 10:36 |
      :-) eh, si ha il suo lavoretto quotidiano!

      Rispondi

  • Serena di Enjoy Life

    Serena di Enjoy Life

    26 Agosto 2016 at 00:43 |
    Ma che bello! Ho giusto delle nocciole che mi aveva regalato mia sorella dal suo albero e che volevo tostare, ma non mi decidevo mai......così ho trovato un uso alternativo e goloso senza bisogno di tostarle :-)
    Ho anche io un piccolo alberino di nocciole ma per adesso ha fatto una ventina di nocciole in tutto!
    Sì, a me interessa molto la ricetta della tua torta, anche perchè ho le perine del mio alberello, le coscia.
    Grazie carissima per le ricette :D
    Un abbraccio

    Rispondi

    • Daria

      Daria

      26 Agosto 2016 at 10:42 |
      Vedrai che il prossimo anno sarà più produttivo, anche qui i primi anni il raccolto era magro...
      Ricettina della torta:
      100 gr di okara del latte di nocciole
      3-4 pere piccole molto mature e doci
      100 gr di farina integrale di segale
      200 gr di farina tipo 2
      80 gr di zucchero di canna integrale del commercio equo (tipo muscovado)
      1 cucchiaino di bicarbonato
      1 cucchiaio di succo di limone
      aquafaba di cottura dei ceci qb
      Mescolo tutti i solidi, le pere lavate e tagliate a pezzetti (fuorchè una che tengo per decorazione), aggiungo l'acuqa di cottura dei ceci qb per avere un composto morbido. Accendo il forno a 180°, aggiungo il succo di limone, mescolo bene, verso nella teglia con carta forno o oleata e completo decorando con l'ultima pera tagliata a spicchi. Inforno per 30 minuti. Lascio raffreddare prima di servire. Morbidissima!

      Rispondi

  • Serena di Enjoy Life

    Serena di Enjoy Life

    26 Agosto 2016 at 11:52 |
    Grazie Daria!
    Interessante metterci l'acqua di cottura dei ceci.......immagino che dia spumosità all'impasto e quindi morbidezza alla torta , tipo l'albume d'uovo.
    Bene, ho tutto! Nei prossimi giorni provo sia i ghiaccioli che la torta......e approfitto per fare l'hummus che è da un po' che non faccio :-)
    Grazie ancora e buon weekend

    Rispondi

    • Daria

      Daria

      26 Agosto 2016 at 15:11 |
      Eh, si, la funzione dell'aquafaba è proprio quella di ammorbidire l'impasto anche senza l'uso di grassi e ci riesce benissimo!
      Buon fine settimana a te!

      Rispondi

  • cristiana

    cristiana

    26 Agosto 2016 at 21:10 |
    Mi sa che il nocciolo è la pianta che ti invidio di più! Adoro le nocciole come poche altre cose :)

    Rispondi

    • Daria

      Daria

      29 Agosto 2016 at 22:35 |
      :-D In effetti è una gran bella soddisfazione raccoglierle ogni giorno direttamente in giardino! Andiamo molto fieri del nostro cespuglione!

      Rispondi

  • Serena di Enjoy Life

    Serena di Enjoy Life

    30 Agosto 2016 at 12:07 |
    Fatti! Sia i ghiaccioli che la torta :-)
    I ghiaccioli li ho fatti con il latte di riso anzichè l'acqua e sono venuti buonissimi!!!
    E la torta sofficissima!!!! E senza un goccio d'olio.....mi stupisco sempre più delle proprietà dell'acqua di cottura dei ceci.....prima le meringhe, poi questa funzione nelle torte!
    Grazie!

    Rispondi

    • Daria

      Daria

      30 Agosto 2016 at 16:33 |
      Interessante, hai sostituito l'acqua e frullato dentro le nocciole, quindi un latte di riso e nocciole... una delizia! Proverò anch'io!

      Rispondi

  • Serena di Enjoy Life

    Serena di Enjoy Life

    31 Agosto 2016 at 22:53 |
    Ho messo a bagno le nocciole direttamente nel latte di riso e poi ho versato entrambi nell'estrattore...il latte è venuto buonissimo, ho quasi rischiato di bermelo tutto così e non averne più per i ghiaccioli :-)

    Rispondi

Lascia un commento

Stai commentando come ospite. Login opzionale sotto.


Anti-spam: complete the taskJoomla CAPTCHA

Login

Per commentare più agevolmente (senza che ti venga richiesto il codice captcha) registrati e fai il login quando entri nel sito. In questo modo l'approvazione dei commenti verrà richiesta solo la prima volta e poi sarà automatica
PS: purtroppo sono stata costretta per gli utenti non registrati a inserire i codici captcha a causa dell'eccesso di spam che finiva col bloccare il sito. Grazie!

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione cookie policy