in cucina

IMG 20180407 174530

Salva

Salva

Salva

Salva

con i piccoli

DSCF2808 gd

 

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

a piedi o in spalla

IMG 20180425 181232

 

Salva

Salva

Salva

Salva

orto e giardino

IMG 20180429 160844

 

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Per un pugno di ghiande

on Venerdì, 08 Giugno 2018. Posted in libri

Per un pugno di ghiande

Qualche giorno fa con le bambine stavamo guardando le foglie e i piccoli frutti dei meli che abbiamo nel nostro piccolo giardino frutteto e ci siamo imbattute in questa piccola larva che abbiamo scoperto essere quella della coccinella prima della muta.

Stavamo giusto osservando come la natura si regoli da se facendo in modo che le coccinelle liberino le foglie del melo dagli afidi trasportati dalle formiche, generando un formidabile equilibrio, quando abbiamo sentito una sorta di gracchio di un uccello... non il solito delle baldanzose gazze che gironzolano spesso da queste parti, nè quello del corvo che passa ogni tanto... un suono sentito solo occasionalmente... il tempo di pensare che assomigliava ad un uccello tropicale, alzare lo sguardo verso la cima del grande salice e cosa vediamo? Niente di meno che delle brillanti piume verdi e due grandi uccelli tropicali prendere il volo in coppia passando sopra le nostre teste!

"Mammma, mamma, hai visto anche tu! Era una coppia di parrocchetti, la specie aliena invasiva di cui ho letto l'altro giorno!"

Questa l'esclamazione di Alice, che è corsa a prendere il libro di cui vi parlo oggi, che affronta proprio la poco conosciuta tematica delle specie aliene invasive.

No, non pensate a essere provenienti da altri pianeti, si tratta invece di specie arrivate in ambienti per loro nuovi che trovano condizioni ambientali congeniali alla loro vita e che si ambientano talmente bene da modificare i delicati equilibri locali. Il parrocchetto monaco è uno di questi...

IMG 20180531 093230

Il libro in questione presenta 20 di queste specie in ordine dalla meno pericolosa (in termini di invasività) alla più pericolosa, assegnando delle stelle rosse. Come tanti furoilegge per ognuno di loro viene fatta una scheda di riconoscimento con i dati salienti a cui seguono tre pagine descrittive. Si incontrano animali o piante poco conosciuti ma anche specie che a noi sembrano innocue come il coniglio europeo, che portato fuori continente può fare grossi danni, come è accaduto in Australia.

IMG 20180531 093424

Nella parte finale alcune pagine speciali dedicate ai ratti, alle formiche , alle armi degli alieni, al modo in cui gli stessi possono arrivare e a quelli di casa nostra. Il tema ha decisamente affascinato Alice (e non solo) anche per il modo in cui viene proposto. E' anche un modo diverso per riflettere su come le nostre azioni magari apparentemente innocue, possano avere conseguenze a scala più ampia... e infatti alla fine ci sono anche alcuni consigli su comportamenti da mettere in pratica.

Ah, per tornare alle coccinelle dell'inizio del post, lo sapevate che le nostre coccinelle locali a 7 pallini potrebbero fare una brutta fine sotto le grinfie delle grosse coccinelle Arlecchino?

IMG 20180531 093044

"Questa minaccia non nasce da sola, ma siamo noi umani con i nostri comportamenti ad averla causata. Sta quindi a noi cambiare le cose!

71683b 310 310Il libro di oggi è:

"Per un pugno di ghiande - le specie invasive che assaltano la terra"  di Papik Genovesi e Sandro Natalini Editoriale Scienza

 Questo post partecipa al venerdì del libro di Paola Homemademama.

 Trovate l'elenco completo in continuo aggiornamento dei libri che ho recensito QUI.

Commenti (4)

  • Ely

    Ely

    08 Giugno 2018 at 11:33 |
    Ciao Daria, caspita questo libro è interessantissimo! Lo voglio assolutamente. grazie mille per la recensione . un abbraccio

    Rispondi

    • Daria

      Daria

      12 Giugno 2018 at 22:32 |
      Ciao Ely, si è davvero un libro interessante e innovativo anche per gli adulti! A presto!

      Rispondi

  • cri

    cri

    10 Giugno 2018 at 16:15 |
    Quante soddisfazioni che mi date sempre voi con i libri! È un libro bellissimo secondo me, ma è difficile da vendere, credo perchè spesso le persone sottovalutino l'intelligenza dei bambini. Tanti che dicono "vorrei un libro di un bambino di tot anni che però è avanti" e poi tanti a comprar loro delle banalità. E poi forse qui c'è anche il discorso che non sia mai raccontare ai bambini che il mondo sta cambiando, si sta distruggendo e soprattutto chi glielo sta consegnando distrutto siamo proprio noi adulti.

    Rispondi

    • Daria

      Daria

      12 Giugno 2018 at 22:38 |
      Ah, quanto hai ragione Cristiana... l'intelligenza dei bambini per queste cose è decisamente sottovalutata, sia per le questioni scientifiche, ma anche per quelle artistiche. Lo vedo anche a scuola... dovrebbero essere in grado di fare tutta l'analisi logica, ma nessuno che gli spieghi un quadro o che gli parli di tematiche ambientali in modo non banale, soprattutto alla primaria. E invece spesso sono più arguti di molti adulti nel cogliere le relazioni fra le cose! Per fortuna che almeno da noi spesso ci sono letture di esterni o di genitori (io vado ogni anno in tutte e tre le classi dei miei per il progetto Libriamoci) in cui si cerca di proporre tematiche non scontate! Un abbraccio!

      Rispondi

Lascia un commento

Stai commentando come ospite. Login opzionale sotto.


Anti-spam: complete the taskJoomla CAPTCHA

Login

Per commentare più agevolmente (senza che ti venga richiesto il codice captcha) registrati e fai il login quando entri nel sito. In questo modo l'approvazione dei commenti verrà richiesta solo la prima volta e poi sarà automatica
PS: purtroppo sono stata costretta per gli utenti non registrati a inserire i codici captcha a causa dell'eccesso di spam che finiva col bloccare il sito. Grazie!

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione cookie policy