in cucina

DSCF1353 gd

Salva

Salva

Salva

Salva

con i piccoli

DSCF5750 rit

 

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

a piedi o in spalla

IMG 20170902 170039 2

 

Salva

Salva

Salva

Salva

orto e giardino

IMG 20171019 131503

 

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Panettone gastronomico veg

on Lunedì, 30 Novembre 2015. Posted in cucina

Panettone gastronomico veg

Grazie ai tre birbanti di casa, l'atmosfera natalizia si comincia a percepire presto in casa nostra e già mi è stato chiesto il panettone, visto che lo scorso anno non ero riuscita a farlo avendo Lorenzo ancora troppo piccino e poco tempo a disposizione. Stavolta mi sa che non me la scampo, ma vorrei farlo un po' più in là, nel frattempo mi sono finalmente decisa a provare il panettone gastronomico che da un po' di anni mi riprometto di preparare e mai mi decido. L'occasione è stato il mio compleanno che è stato la settimana scorsa: quale momento migliore per regalarsi una cena speciale col panettone gastronomico? Lo conoscete? Si tratta di una sorta di focacciona con la forma di un panettone con impasto in versione "neutra", quindi non dolce, che viene farcito dopo averlo tagliato a strati. Io mi sono divertita a fare i vari strati veg, poi vi lascio anche la descrizione della farcitura. Allora che dite, vi mettete all'opera? Ecco la ricetta!

Ingredienti per il preimpasto:

  • 90 gr di pasta madre rinfrescata da 4 ore
  • 90 gr di acqua
  • 90 gr di farina tipo 2

Ingredienti per l'impasto:

  • tutto il preimpasto
  • 420 gr di farina tipo2 di khorasan (mista con un po' di orzo, era quella del gas di Conselve a cui vi accennavo qualche post fa)
  • 270 gr di acqua
  • 30 gr di latte di soia
  • 30 gr di olio evo
  • 20 gr di sale fino integrale

Preparazione:

Per prima cosa preparate il preimpasto mescolando la pasta madre con l'acqua e la farina. Mettete il composto a lievitare per almeno 4 ore, o comunque fino al raddoppio. Riprendete il preinpasto e scioglietelo nell'acqua. Aggiungete il latte di soia e la farina un po' alla volta. Aggiungete anche il sale e l'olio per ultimo. Otterrete un impasto morbido da mescolare al cucchiaio. Lasciatelo riposare per un'oretta, fate un giro di pieghe aiutandovi con una spatola e mettete a riposare in frigo per la notte.

Ritirate dal frigo l'impasto e lasciatelo ambientare per un'ora a temperatura ambiente. Lo troverete rassodato. Versatelo sulla spianatoia leggermente infarinata e fate un giro di pieghe. Lasciate riposare per una mezzora e nel frattempo preparate lo stampo. Io ho deciso di farne due piccini per le bimbe e uno più grande. Per i due piccoli ho usato delle ciotoline in ceramica che ho foderato con carta forno. Per quello grande ho usato uno stampo a cerniera diametro 17 cm a cui ho aggiunto un giro di carta forno sul bordo per alzarlo un po'. Con questa scelta il panettone è venuto un po' più basso, se voi fate un unico panettone grande vi verrà uno strato in più da farcire.

DSCF9890 gd

Il panettoncino di Elena

Disponete l'impasto negli stampi dopo aver fatto un ulteriore giro di pieghe (se ne fate di piccini, dividete l'impasto e fate una piega per ogni parte). Lasciate lievitare per 4-5 ore o fino al radoppio. Accendete il forno a 180° e infornate per 45 - 50 minuti il panettone grande (per i piccoli sono bastati 30 minuti). Toglieteli dagli stampi e lasciate raffreddare completamente disponendoli su una griglia.

DSCF9893 gd

A questo punto potete tagliarli a fette orizzontalmente e farcirli secondo il vostro gusto. Vi lascio la composizione dei miei strati. Nel nostro caso il panettone più grande è diventato una sorta di mamma mostro per i due piccoli mostriciattoli (le olive sono gli occhi).

DSCF9906 gdstrato 1:

crema di cavolfiore e ceci con carote: per la crema basterà frullare del cavolfiore lessato o saltato in padella con un po' di ceci lessati, un po' d'olio e sale. Le carote le ho aggiunte crude, tagliate a striscioline con la mandolina e cosparse di succo di limone.

strato 2:

vegrino con radicchio di Verona: preparate il vegrino colando lo yogurt come al solito e insaporendolo con sale e spezie a piacere. Lavate le foglie di radicchio di Verona e disponetele sul "formaggino"

strato 3:

Hummus di ceci con peperoni: preparate l'hummus secondo la vostra ricetta preferita (io ci metto ceci lessati, succo di limone, tahin, sale, curcuma, pepe). Tagliate a filetti il peperone verde e conditelo con poco sale.

strato 4:

Questo l'ho messo nel panettoncino delle bimbe: wurstel di tofu con salsa di pomodoro

decorazioni:

olive nere, pezzetti di carota, filetti di peperone, foglie di radicchio...

Come vedete potete sbizzarrirvi con quello che avete in casa, ci starà benissimo anche della maionese veg, insalata russa veg, salsa ai pomodori secchi o ai carciofi... fate voi!

Ero un po' preoccupata per il taglio, invece devo dire che sono rimasta paicevolmente sorpresa: si è tagliato benissimo! Ed era buonissimo! Insomma sulla tavola di Natale ci starà proprio bene!

PS: la ricetta dell'impasto è una variante di altre ricette che potete trovare on-line, fra cui quella di Pat Pandipane e di Alessandra Golosità Vegane, che ringrazio per lo spunto!

PPS: se cambiate farina potrebbe volercene un po' di più in base al suo grado di assorbimento. In particolare per una farina tipo 2 commerciale e non macinata in casa a mio avviso potrebbero servire 500 gr di farina.

Con questa ricetta partecipo alla raccolta mensile di Panissimo#35 di Sandra e Barbara, questo mese ospitata da Terry de I Pasticci di Terry.

finale di stagioneQuesta ricetta partecipa anche al contest di ricette natalizie vegane organizzato da Essere Animali al fine di realizzare un menù per le feste buono in tutti i sensi. Partecipate anche voi, trovate tutte le indicazioni QUI!

11032340 1075096445842700 52952468607209904 n

Commenti (22)

  • Ely

    Ely

    30 Novembre 2015 at 17:10 |
    Bellissimo Daria! Sul panettone gastronomico mi devo ancora cimentare...ma visto il tuo spunto devo proprio provarci. grazie Ely

    Rispondi

    • Daria

      Daria

      03 Dicembre 2015 at 21:50 |
      Devi provarci, è più facile di quanto pensi!

      Rispondi

  • Manuela

    Manuela

    30 Novembre 2015 at 18:11 |
    Ciao Daria... per prima cosa BUON COMPLEANNO :-) Che buono il panettone gastronomico fatto in casa... ho provato a farlo l'anno scorso, ma con il lievito di birra. Con la pasta madre deve essere ancora più buono e soffice... i ripieni sono uno più buono dell'altro e le olive-occhietti sono un 'idea fantastica, deve essere stata una cena molto divertente :-)
    Ah avevo aggiunto all'impasto dell'erba cipollina e... un'altra erba aromatica che non ricordo (forse la salvia?)... mi era piaciuto molto :-)
    A prestooo :-)

    Rispondi

    • Daria

      Daria

      03 Dicembre 2015 at 21:51 |
      Ciao Manuela, bella idea l'aggiunta delle erbe aromatiche, se lo rifaccio provo questa variante!

      Rispondi

  • Felicia

    Felicia

    30 Novembre 2015 at 20:22 |
    Non ci crederai... ma stato proprio pensando a fare un panettone gastronomico a Fausto, i tuoi mostriciattoli sono favolosi e mi hai stuzzicato...... Mi sa che gli farò la versione baby, da fare e consumare subito!!!!

    Rispondi

    • Daria

      Daria

      03 Dicembre 2015 at 21:52 |
      Eh, si la versione mini è molto sfiziosa, io pensavo di proporla per il pranzo di Natale...

      Rispondi

  • Fiore

    Fiore

    30 Novembre 2015 at 21:17 |
    troppo brava!!!

    Rispondi

    • Daria

      Daria

      03 Dicembre 2015 at 21:58 |
      Grazie Fiore!

      Rispondi

  • Alice

    Alice

    01 Dicembre 2015 at 11:39 |
    Che meraviglia, festa per gli occhi e per il palato! Mi ha sempre attirata molto il panettone "salato", ma non l'ho mai mangiato perché in tutte le occasioni dove l'ho trovato c'era sempre qualche ingrediente non veg :( Mi hai proprio messo voglia di cimentarmi! Magari lo faccio come antipastino per Natale...;)

    Rispondi

    • Daria

      Daria

      03 Dicembre 2015 at 21:58 |
      Si, si, provalo!

      Rispondi

  • MARI

    MARI

    02 Dicembre 2015 at 15:10 |
    Ah,ah! :-D che bello!!! si vede che c'è lo zampino delle birbe!!! dev'essere una bontà! :-)

    Rispondi

    • Daria

      Daria

      03 Dicembre 2015 at 21:59 |
      Più che zampino, direi zampone! Una fatica farlo arrivare in tavola... volevano giocarci e continuavano a rubare gli occhi-oliva! ;-)

      Rispondi

  • Eleonora - Karmaveg

    Eleonora - Karmaveg

    02 Dicembre 2015 at 16:12 |
    Nooooo...ci stavo pensando anch'io qualche giorno fa!! Che sorpresa scoprire la tua ricetta!
    Anch'io dovrò combattere contro il tempo quest'anno, ma lo voglio fare assolutamente. Ha una faccia proprio invitante!

    ...e tanti auguri, anche se in ritardo! :)
    Un bacione

    Rispondi

    • Daria

      Daria

      03 Dicembre 2015 at 22:00 |
      Con questo te la cavi abbastanza velocemente rispetto ai tempi di un panettone tradizionale. Grazie per gli auguri!

      Rispondi

  • Raffaella

    Raffaella

    12 Dicembre 2015 at 10:09 |
    Meraviglioso!!! :)

    Rispondi

  • annamaria

    annamaria

    19 Dicembre 2015 at 20:02 |
    l'ho fatto alcuni mesi fa' con la ricetta di adriano cortinisio, questa vegana mi alletta un po' e poi con la pm, mia immacolata spero di riuscire, volevo chiederti, io faccio parte del gas di caserta , ho preso una farina tipo 2 mi hanno portato quella gialla e' la stessa di cui parli tu? grazie e buona serata

    Rispondi

    • Daria

      Daria

      19 Dicembre 2015 at 22:56 |
      Ciao Annamaria, la farina tipo2 è una semintegrale, abitualmente di grano tenero. Se era gialla gialla mi sa che era qualcos'altro o mais, ma mi sembra strano dalle vostre parti o grano duro.

      Rispondi

  • annamaria

    annamaria

    20 Dicembre 2015 at 15:17 |
    BUONA domenica Daria, sono andata a leggere sulla confezione,dice mais per polenta macinata a pietra , io credevo di aver chiesto la tipo 2 semintegrale , ti cito la provenienza ..Azienda Agricola Valle chiarelle San PotitoSannitico,mi domando se e' un errore loro e si sono sbagliati nel rifornirmi grazie Annamaria

    Rispondi

    • Daria

      Daria

      20 Dicembre 2015 at 15:34 |
      Penso che sia un errore, la farina per polenta è di certo farina di mais e sicuramente non la puoi usare come farina di grano...
      Buona domenica a te!

      Rispondi

  • annamaria

    annamaria

    21 Dicembre 2015 at 15:20 |
    vorrei provare il panettone gastronomico, con la mia Immacolata(titina) o concettina , mi dovro' decidere quale scegliere, sarebbe la prima volta con pasta madre, spero di riuscire devo rifornirmi di farine ciao e buona serata

    Rispondi

    • Daria

      Daria

      22 Dicembre 2015 at 15:36 |
      E allora buona sperimentazione! Fammi sapere come va e buone feste!

      Rispondi

  • annamaria

    annamaria

    23 Dicembre 2015 at 12:44 |
    ok grazie buone feste anche a te!!

    Rispondi

Lascia un commento

Stai commentando come ospite. Login opzionale sotto.


Anti-spam: complete the taskJoomla CAPTCHA

Login

Per commentare più agevolmente (senza che ti venga richiesto il codice captcha) registrati e fai il login quando entri nel sito. In questo modo l'approvazione dei commenti verrà richiesta solo la prima volta e poi sarà automatica
PS: purtroppo sono stata costretta per gli utenti non registrati a inserire i codici captcha a causa dell'eccesso di spam che finiva col bloccare il sito. Grazie!

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione cookie policy