in cucina

IMG 20161208 122722

Salva

Salva

Salva

con i piccoli

IMG 20170901 193948 l

 

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

a piedi o in spalla

IMG 20170902 170039 2

 

Salva

Salva

Salva

Salva

orto e giardino

DSCF2486 gd

 

Salva

Salva

Salva

Salva

Sbrisolona al miglio

on Mercoledì, 09 Gennaio 2013. Posted in cucina

Come recuperare l'okara del latte di miglio e nocciole

Sbrisolona al miglio

Come promesso vi svelo cosa ho realizzato con l'okara del latte di miglio e nocciole. L'idea fin da subito era di usarlo per qualcosa di dolce, all'inzio pensavo dei finger food... poi invece la ricetta si è trasformata, come accade spesso, mentre la realizzavo e così è nata la sbrisolona al miglio. Il risultato è stato ottimo, anche se in realtà l'avrei voluta più croccante, invece era sbricciolosa, ma tutto sommato morbidina... niente di male, le bimbe hanno gradito tantissimo! ed in effetti era proprio buona!

ingredienti:

  • 215 gr di okara di latte di miglio e nocciole (composto da miglio in chicchi, nocciole, mandorle e acqua)
  • 100 gr di malto di riso
  • 20 gr di farina integrale di riso (io come sempre l'avevo macinata col mulinetto)
  • 80 gr di sfarinato integrale di grano tenero (al solito macinato col mulinetto, ma con grana un po' più grossa)
  • mezzo cucchiaino di bicarbonato
  • 1 cucchiaino di cannella in polvere
  • 1 cucchiaio di farina di mandorle

Preparazione:

Ho mescolato il tutto ottenendo un composto granuloso, piuttosto denso. L'ho versato in una teglia con carta forno, livellandolo con i rebbi di una forchetta.

2013 0106001

Ho cotto per 25 minuti a 180° forno ventilato.

Lasciato raffreddare e mangiato! 

2013 0106005

Questa ricetta partecipa alla raccolta di ricette col miglio del mese di Gennaio di Salutiamoci (ospitato da Federica di Architettarte).

salutiamoci300

 

Questa ricetta partecipa anche al contest Felici e Curiosi di Ravanello Curioso e Le delizie di Feli per la sezione dolci.

ravanello banner03

Questi gli ingredienti scelti fra i magnifici 20: il malto, le mandorle, le nocciole e la cannella.

Commenti (11)

  • lacucinadellacapra

    lacucinadellacapra

    10 Gennaio 2013 at 11:22 |
    Interessantissima versione!!! Un modo davvero originale di usare il miglio! :D Buona giornata!

    Rispondi

    • Daria

      Daria

      10 Gennaio 2013 at 15:01 |
      Grazie... un riciclo ben riuscito :-)

      Rispondi

  • Ale

    Ale

    10 Gennaio 2013 at 11:32 |
    Ma che bella idea usare il miglio per i dolci, poi la sbrisolona l'ho mangiata ma ancora mai fatta, mi segno questa ricetta, dev'essere superbuona! ^_^

    Rispondi

    • Daria

      Daria

      10 Gennaio 2013 at 15:01 |
      Rispetto alla sbrisolona che mangiavo ormai parecchi anni fa questa è sbricciolosa, ma più morbida pur essendo senza lievito... o almeno a me è venuta più morbida, forse basta lasciarla un po' di più in forno... però il gusto è buonissimo, anche alle bimbe è piaciuta un sacco!

      Rispondi

  • Felicia

    Felicia

    10 Gennaio 2013 at 20:58 |
    Che voglia..... questo dolce è fantastico!!!! va bene, prometto... devo trovare il tempo per fare il latte di miglio/nocciole per avere l'okara!!! La inserisco immediatamente :-)

    Rispondi

    • Daria

      Daria

      10 Gennaio 2013 at 21:14 |
      :-D

      Rispondi

  • Zucchero D'Uva

    Zucchero D'Uva

    11 Gennaio 2013 at 20:18 |
    Mi hai fatto venire voglia di usare il miglio per i dolci, non ci avevo mai pensato, inoltre il latte di miglio non l'ho mai assagiato!
    Bravissima!

    Rispondi

    • Daria

      Daria

      15 Gennaio 2013 at 20:27 |
      Grazie! Io lo macino col mulinetto domestico, si ottiene un'ottima farina, dolcetta e senza glutine, oltre ai dolci anche il pane viene molto buono...

      Rispondi

  • xcesca

    xcesca

    11 Gennaio 2013 at 23:21 |
    Woow! Io sono pigra con i latti vegetali autoprodotti perchè purtroppo resistono poco e sono solo io che li bevo.. ma poi vedo questi risultati e rimango con la bavetta alla bocca :)
    Questo dolce sembra coccoloso ma senza sensi di colpa, di quelli che senti il dolce masticando lentamente ed assaporando i gusti degli ingredienti che lo compongono!

    Rispondi

    • Daria

      Daria

      15 Gennaio 2013 at 20:26 |
      Xcesca, io avevo le tue stesse remore... infatti ogni volta ne facevo troppo per l'uso che ne faccio... ora ho imparato a farne solo mezzo litro e soprattutto questi con la frutta secca piacciono anche alle bimbe, quindi riesco a terminarli in uno massimo due giorni. La tortina è buonissima se ti piace la frutta secca... deliziosa! qui è stata spazzolata!

      Rispondi

  • Lo

    Lo

    21 Gennaio 2013 at 22:34 |
    eccola qui la magia con l'okara :)

    Rispondi

Lascia un commento

Stai commentando come ospite. Login opzionale sotto.


Anti-spam: complete the taskJoomla CAPTCHA

Login

Per commentare più agevolmente (senza che ti venga richiesto il codice captcha) registrati e fai il login quando entri nel sito. In questo modo l'approvazione dei commenti verrà richiesta solo la prima volta e poi sarà automatica
PS: purtroppo sono stata costretta per gli utenti non registrati a inserire i codici captcha a causa dell'eccesso di spam che finiva col bloccare il sito. Grazie!

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione cookie policy