in cucina

IMG 20161208 122722

Salva

Salva

Salva

con i piccoli

IMG 20170127 104057

 

Salva

Salva

Salva

Salva

a piedi o in spalla

DSCF3423 2

 

Salva

Salva

Salva

orto e giardino

DSCF2486 gd

 

Salva

Salva

Salva

Salva

Seitan agrodolce

on Venerdì, 22 Agosto 2014. Posted in cucina

Seitan agrodolce

Non sono un'amante del seitan, lo uso davvero poco e non lo ritengo indispensabile in cucina, però per le emergenze in cui si necessita di qualcosa da pareparare in fretta o quando si hanno ospiti vien buono... e se non ho il tempo di prepararmi il mopur allora ecco che il panetto pronto mi viene in soccorso. In questo caso ne avevo in casa da usare e ho pensato di prepararlo usando delle prugnette selvatiche che mi aveva donato l'amica Annalisa. Queste prugnette, mirabolani, o amboi dalle mie parti ce li siamo gustati tal quali per la maggior parte, ottimo spuntino gradito anche dalle bimbe (soprattutto Elena), perfetti da portare con se anche nelle passeggiate. Hanno un gusto dolce, ma leggermente aspro e quindi ce li vedevo bene anche nel salato per un condimento agrodolce.

DSCF0396-gd

 

Sempre in versione salata o agrodolce ve li propone Annalisa nel suo altro blog "Cucina selvatica" dedicato alle erbe spontanee che gestisce con la Capra, vi consiglio di andarvi a vedere la ricetta che io ho preparato ma non ancora assaggiato.

Ma veniamo a noi e al nostro saltuario seitan...

Ingredienti:

  • 350 gr di seitan al naturale (nel mio caso di farro)
  • 30 prugne selvatiche gialle e viola
  • 2 manciate di uvetta sultanina del commercio equo
  • 1 cipolla di tropea bio
  • olio evo qb
  • sale fino integrale qb
  • salsa shoyu qb
  • 1 spiacchio d'aglio
  • 2 foglie di salvia fresca
  • mezzo limone bio

Preparazione:

In una padella grande versare un filo d'olio, un po' di shoyu, un po' d'acqua, lo spicchio d'aglio (tritato se vi piace), la cipolla affettata sottile e la salvia. Metterla sul fuoco finchè la cipolla sarà rosolata. Aggiugere le prugne dopo averle lavate (senza snocciolarle), tenendone da parte una decina, e farle cuocere finchè si spaccheranno e cominceranno a rilasciare il sugo. A questo punto mettere il seitan tagliato a fettine. Farlo rosolare da un lato, girarlo, aggiungere l'uvetta e salare a piacere. Dopo qualche minuto svaporare col succo del limone spremuto direttamente sulle fettine. Servire con qualche prugna cruda. A noi è piaciuto davvero molto, se non avete le prugnette potete provare a farlo anche con le prugne normali o con le susine.

DSCF0458

Questa ricetta partecipa alla raccolta di ricette del 100% vegetal monday proposto dalla Capra: chiunque può partecipare, proponete anche voi le vostre ricette veg ogni lunedì!

100-veg-monday

Commenti (7)

  • MARI

    MARI

    25 Agosto 2014 at 18:09 |
    il seitan in agrodolce, mi manca proprio! Dev'essere molto buono!
    anch'io lo mangio ogni tanto: diciamo che alterno la pasta al seitan...anche se ammetto che sono sempre stata una "pastasciuttara" e glutine x glutine, la prediligo proprio!

    Rispondi

    • Daria

      Daria

      25 Agosto 2014 at 23:00 |
      Ormai usiamo poco la pasta, una o due volte la settimana, sempre integrale e cerco di alternarla con quella fatta con altri cereali, farro, ma anche riso e mais e grano saraceno, che trovo molto buone... per questo ogni tanto ci si può concedere il seitan a cuor leggero tenendo anche conto che il nostro pane è sempre poco glutinoso.

      Rispondi

  • Serena

    Serena

    25 Agosto 2014 at 18:42 |
    Mi ispira tantissimo! Adoro l'agrodolce!
    Grazie per la ricetta ^_^
    Serena

    Rispondi

    • Daria

      Daria

      25 Agosto 2014 at 23:02 |
      E poi se lo fai con il tuo seitan autoprodotto sarà ancora più buono!

      Rispondi

  • Valentina

    Valentina

    27 Agosto 2014 at 01:27 |
    Slurp!! Devo assolutamente provare la ricetta! Ma anche noi facciamo il seitan una volta ogni morte di papa, quindi forse la stagione delle prugne sarà terminata...però posso sempre provare con le prugne secche! Poi il sughetto me lo invento con un goccio di vino secco in padella... (praticamente la ricetta è bell' e stravolta! :P )
    Baci

    Rispondi

    • Daria

      Daria

      27 Agosto 2014 at 15:11 |
      Ma va benissimo anche stravolgerla! Per me è difficilissimo seguire una ricetta per filo e per segno... modifico anche le mie! ;-)

      Rispondi

  • Alice

    Alice

    27 Agosto 2014 at 09:03 |
    Anche io non mangio spesso il seitan...ma questa variante è proprio da provare!!! Meno male che ho salvato qualche susina dalla mia recente "operazione marmellata" :)

    Rispondi

Lascia un commento

Stai commentando come ospite. Login opzionale sotto.


Anti-spam: complete the taskJoomla CAPTCHA

Login

Per commentare più agevolmente (senza che ti venga richiesto il codice captcha) registrati e fai il login quando entri nel sito. In questo modo l'approvazione dei commenti verrà richiesta solo la prima volta e poi sarà automatica
PS: purtroppo sono stata costretta per gli utenti non registrati a inserire i codici captcha a causa dell'eccesso di spam che finiva col bloccare il sito. Grazie!

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione cookie policy