in cucina

IMG 20161208 122722

Salva

Salva

Salva

con i piccoli

IMG 20170901 193948 l

 

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

a piedi o in spalla

IMG 20170902 170039 2

 

Salva

Salva

Salva

Salva

orto e giardino

DSCF2486 gd

 

Salva

Salva

Salva

Salva

Pane senza glutine al limone

on Lunedì, 15 Febbraio 2016. Posted in cucina

Pane senza glutine al limone

Quando ho letto la ricetta del pane al limone pubblicata da Manuela di Una favola in tavola - Il mondo di ortolandia, ho subito pensato che dovevo provarlo con i fantastici limoni che ho da recentemente preso col gas: una delizia! Va beh, lo sapete che non ce la faccio a rifare pari pari una ricetta, quindi alla fine l'idea di base del pane al limone è rimasta, ma la miscela di farine è cambiata pur restando sempre farine naturali e in parte macinate in casa.E poi come ho voluto evitare (come sempre) lo xantano o altri addensanti. Devo dire che il risultato è stato ottimo, al di là delle aspettative, sia come gusto che come estetica! 

ingredienti:

  • 150 gr di pasta madre senza glutine (nel mio caso era un esubero in frigo da 3-4 giorni)
  • 85 gr di riso integrale (che poi macinerete)
  • 70 gr di fecola di patate bio
  • 60 gr di amido di mais bio
  • 65 gr di grano saraceno in chicchi (che poi macinerete)
  • 30 gr di farina di ceci bio
  • 200 gr di acqua
  • 1 cucchiaio di sciroppo di riso
  • 10 gr di olio evo bio
  • 1/2 cucchiaino di sale fino integrale
  • 50 ml di succo di limone bio
  • la buccia gratuggiata dello stesso limone
  • semi di sesamo a piacere

Preparazione:

Se non avete abbastanza pasta madre rinfrescatela con farina di riso e aspettate che sia bella bollicinosa (solitamente 4 ore), altrimenti partite subito pesando la pasta madre che vi serve e aggiungendo l'acqua.

Procedete con la macinazione della farina di riso e di grano saraceno, impostando la macina sula posizione più stretta e aggiungetele alla pasta madre. Proseguite aggiungendo lo sciroppo di riso e il succo di limone e di seguito le restanti farine una alla volta prestando attenzione che non si creino grumi. Per ultimi aggiungete il sale e l'olio e la buccia di limone. Otterrete un impasto piuttosto fluido, tipo quello di un dolce. Lasciatelo riposare per 4-5 ore a temperatura ambiente. Non avendo usato addensanti lieviterà ma non addenserà, quindi non riuscirete a formarlo impastando a mano e avrete bisogno di metterlo in forma in una teglia. Io ho usato una piccola teglia con cerniera tonda (diametro 18 cm), certamente va benissimo anche una teglia da plum-cake. Oliate la teglia e versate l'impasto con delicatezza. Ricoprite di semi di sesamo e lasciate lievitare nel forno spento per un paio d'ore. Accendete il forno statico a 220° lasciando la teglia all'interno. Da quando arriverà in temperatura lasciate 10 minuti a 220° e altri 25 minuti a 200°. Togliete l'anello e lasciate raffreddare nel forno spento socchiuso per 10-15 minuti. Estraete dal forno e togliete la base. Aspettate che sia freddo per tagliarlo.

DSCF1085 gd

L'aroma di limone è piacevolissimo, perfetto in abbianamento al dolce, ma anche col salato, per esempio con la salsa guacamole!

Da provare assolutamente, vi sorprenderà!

Questo post partecipa a Panissimo la raccolta di lievitati dolci e salati di Sandra, Sono io Sandra e di Barbara, Bread & Companatico di febbraio 2016 ospitato da Un condominio in cucina

banner c.scritta crema 768x768

Commenti (21)

  • Consuelo

    Consuelo

    15 Febbraio 2016 at 16:37 |
    Questo pane è davvero un miracolo..tenere insieme queste farine di poca forza non è un'impresa semplice ma tu l'hai superata a pieni voti :-) Complimenti Daria e felice settimana

    Rispondi

    • Daria

      Daria

      15 Febbraio 2016 at 22:27 |
      Grazie Consuelo, si è un pane che mi ha dato tanta soddisfazione!

      Rispondi

  • Felicia

    Felicia

    15 Febbraio 2016 at 20:16 |
    Favolosooooooo.... proprio non ci sono parole per commentare questo pane!!!! sei stata bravissima, il succo di limone gli ha dato una bella spintarella :-) lievitazione perfetta

    Rispondi

    • Daria

      Daria

      15 Febbraio 2016 at 22:32 |
      Si, penso anch'io che il succo di limone abbia avuto un ruolo non marginale! Dovrei provare a metterne meno per capire fino a che punto ha inciso...

      Rispondi

  • Pitti

    Pitti

    16 Febbraio 2016 at 00:45 |
    Bello!! Il pane senza glutine è ancora un miraggio per me... Devo decidermi ad autoprodurre questa pasta madre senza glutine...

    Rispondi

    • Daria

      Daria

      16 Febbraio 2016 at 15:03 |
      Ciao Patrizia, puoi autoprodurla oppure anche cercare uno spacciatore dalle tue parti... ;-)

      Rispondi

  • cristiana

    cristiana

    16 Febbraio 2016 at 10:23 |
    Mando direttamente il link della ricetta al mio panificatore di casa, che se non sbaglio oggi è pure giorno di rinfresco e dal paesello abbiamo portato una borsa di limoni profumatissimi raccolti nell'orto di mia zia ;)

    Rispondi

    • Daria

      Daria

      16 Febbraio 2016 at 15:01 |
      Ciao Cristiana, se lo provi fammi sapere!

      Rispondi

  • Silvia

    Silvia

    16 Febbraio 2016 at 15:34 |
    Ma dai! Guarda che hai sfornato! Mai fatto un pane al limone, di sicuro inizierò da questo!
    Grazie per averlo portato al condominio per la raccolta di panissimo! Grazie ancora!

    Rispondi

    • Daria

      Daria

      16 Febbraio 2016 at 22:47 |
      prego, son contenta di essere riuscita a partecipare già con due ricette questo mese! E poi questo pane mi ha dato tanta soddisfazione!

      Rispondi

  • Roberta

    Roberta

    16 Febbraio 2016 at 17:49 |
    Ma che bello questo pane! quanto stupore sempre nel vedere la lievitazione perfetta che può donare una PM senza glutine con farine senza glutine. Bellissima!

    Rispondi

    • Daria

      Daria

      16 Febbraio 2016 at 22:47 |
      Oh, si, hai proprio ragione! Ha sempre dell'incredibile!

      Rispondi

  • Raffaella

    Raffaella

    17 Febbraio 2016 at 13:50 |
    Mmmh bello sofficioso!!! ;) Bravissima Daria! :)

    Rispondi

    • Daria

      Daria

      18 Febbraio 2016 at 21:51 |
      Grazie! Un'altra cosa bella di questo pane è che pur essendo senza glutine è rimasto bello morbido per più giorni, senza seccarsi troppo.

      Rispondi

  • elisa

    elisa

    21 Febbraio 2016 at 22:16 |
    Ciao Daria, complimenti per il blog...e per la scelta di vita ;-)
    Una domanda: con cosa mancini le farine?
    Grazie
    Elisa

    Rispondi

  • Alessandra

    Alessandra

    28 Gennaio 2017 at 21:00 |
    Ciao!
    Sara' la decima volta che faccio questo pane!!
    E' super!!
    Lo adoro!
    Ogni volta però mi ritrovo con un dubbio enorme.
    Io scelgo sempre la lenta lievitazione in frigo...
    Al mattino, deve riposare prima di andare in forno quando esce dal frigo? O forse diretto in forno? Giuro non mi ricordo.
    In passato ricordo una ricetta che doveva andare diretto in forno l'impasto... ma forse non era questo....

    Rispondi

    • Daria

      Daria

      29 Gennaio 2017 at 22:10 |
      Ciao Alessandra! Mi fa molto piacere che questo pane ti piaccia, è anche tra i miei preferiti fra quelli senza glutine, assieme a quello integrale ai semi. Se scegli la lievitazione in frigo, immagino per la prima lievitazione, meglio che lasci ambientare l'impasto per un'oretta a t.a. prima di procedere a versarlo nella teglia e quindi con la seconda lievitazione e poi alla cottura!

      Rispondi

  • Alessandra

    Alessandra

    30 Gennaio 2017 at 09:36 |
    GRAZIE della gentilissima risposta!
    Mi sa che io salto una lievitazione però.
    Cioè, impasto, frigo, acclimato, verso nello stampo, riposo 1 oretta. Forno. L lievitazione di cui parli tu, post frigo..?

    Rispondi

    • Daria

      Daria

      30 Gennaio 2017 at 15:08 |
      No,no, non salti alcuna lievitazione. La lievitazione dopo il frigo sarebbe l'ambientamento a t.a. ;-)

      Rispondi

  • Alessandra

    Alessandra

    30 Gennaio 2017 at 15:40 |
    GRAZIE!!!!!

    Rispondi

Lascia un commento

Stai commentando come ospite. Login opzionale sotto.


Anti-spam: complete the taskJoomla CAPTCHA

Login

Per commentare più agevolmente (senza che ti venga richiesto il codice captcha) registrati e fai il login quando entri nel sito. In questo modo l'approvazione dei commenti verrà richiesta solo la prima volta e poi sarà automatica
PS: purtroppo sono stata costretta per gli utenti non registrati a inserire i codici captcha a causa dell'eccesso di spam che finiva col bloccare il sito. Grazie!

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione cookie policy