in cucina

IMG 20161208 122722

Salva

Salva

Salva

con i piccoli

IMG 20170901 193948 l

 

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

a piedi o in spalla

IMG 20170902 170039 2

 

Salva

Salva

Salva

Salva

orto e giardino

DSCF2486 gd

 

Salva

Salva

Salva

Salva

Quasi-pizza senza glutine

on Mercoledì, 13 Novembre 2013. Posted in cucina

Quasi-pizza senza glutine

Questa settimana recupero tutte le cose che erano rimaste indietro la scorsa... in particolare ci tenevo a presentarvi questo secondo esperimento con la Bianca, pasta madre senza glutine. L'intento era di fare una sorta di focaccia, pizza alta e soffice, cosa non facilissima usando le farine appena macinate senza glutine che tendono a sfaldarsi appena si prova a farci un panetto. Allora ho deciso di mantenere anche stavolta l'idratazione alta un po' come faccio con la focaccia velocissima e stenderla al cucchiaio. Devo dire che alla fine sono (siamo) stati piacevolmente sorpresi perchè ne è venuta veramente una quasi pizza, molto gustosa e decisamente morbida dentro, ma con la fetta che "tiene"... insomma proprio buona e decisamente da rifare! Quindi ecco la ricetta (anche stavolta le farine erano tutte macinate di fresco da me, eccezion fatta per il mais fioretto di cinquantino - ottimo - che ho preso come sempre dalle Barbarighe).

Ingredienti:

  • 150 gr di pasta madre senza glutine rinfrescata da 4 ore
  • 220 ml di siero di kefir di soia (o di siero di yogurt di soia)
  • 90 gr di farina integrale di riso baldo appena macinata
  • 90 gr di farina di quinoa appena macinata
  • 15 gr di amido di mais
  • 30 gr di farina di mais cinquantino fioretto
  • 1 cucchiaio di olio evo
  • 1 cucchiaino di sale fino integrale

Per condire:

  • salsa di pomodoro fatta in casa
  • olio evo
  • sale fino integrale
  • origano secco
  • un paio di foglie di basilico

Preparazione:

Come vedete sono tornata in possesso della mia bilancia... speriamo non finisca nuovamente a volare grazie alle birbe... (:-)). Per prima cosa sciogliete la pasta madre nel siero di kefir, aggiungere tutte le farine e per ultimo il sale e l'olio evo. Mescolare bene fino ad avere un impasto denso e omogeneo. Far lievitare a temperatura ambiente per unìora e passare in frigorifero, coperta, per tutta la notte. La mattina estrarre dal frigo, lasciare ambientare per un'ora e stendere (col cucchiaio) sulla carta forno in forma tonda.

DSCF4507

Lasciar lievitare per un'ora nel forno spento (con lucina accesa): incredibilmente vi apparirà pure qualche bolla piccolina! Estrarre le teglia, accendere il forno a 180° e infornare per 15 minuti. Nel frattempo aggiungere alla salsa di pomodoro il sale, il basilico, l'olio e l'origano. Mescolare. Estrarre la focaccia dal forno e cospargere con la salsa di pomodoro condita. Reinfornare sempre a 180° per altri 7-8 minuti. Ed eccola qui!

DSCF4519

Buona buona! 

Questo post partecipa a Panissimo la raccolta di ricette di lievitati organizzata da  Bread & Companatico (Barbara) e Indovina chi viene a cena?(Sandra) che questo mese è ospitato da Menta e Rosmarino. Partecipa anche al "tema del mese" con le farine speciali di riso, mais fioretto cinquantino e quinoa.

panissimo

 

Commenti (20)

  • Felicia

    Felicia

    13 Novembre 2013 at 09:45 |
    Bellissima......!!!! sicuramente buonissima. Adoro i tuoi esperimenti, ne farò tesoro ;-)

    Rispondi

    • Daria

      Daria

      13 Novembre 2013 at 14:19 |
      Ci ha veramente sorpreso: temevo l'effetto sbriccioloso e la fetta tutta a brandelli, invece ha retto bene... proprio buona! Non vedo l'ora di spacciartene un po' per vederti all'opera! :-)

      Rispondi

  • Michela - Menta e Rosmarino

    Michela - Menta e Rosmarino

    13 Novembre 2013 at 13:10 |
    Ciao Daria! ti ringrazio intanto per la tua partecipazione a Panissimo che accogliamo con molto piacere :)

    Per la partecipazione, la ricetta deve esse linkata in fondo al mio post, non basta nei commenti. Volevo inserirtela io, ma non trovo da nessuna parte il tuo indirizzo mail, che occorre per l'inserimento.

    Puoi per favore ripassare da me e inserirla?

    Grazie mille ^__^

    Rispondi

    • Daria

      Daria

      13 Novembre 2013 at 14:14 |
      Ops, scusami, stamattina di fretta me ne sono scordata... adesso passo a inserirla, grazie!

      Rispondi

  • lacucinadellacapra

    lacucinadellacapra

    13 Novembre 2013 at 14:15 |
    a quando un workshop di panificazione??? considerami iscritta!

    Rispondi

    • Daria

      Daria

      13 Novembre 2013 at 14:21 |
      :-) sarebbe bello organizzare un evento con laboratorio sul pane in effetti... da pensarci!

      Rispondi

  • MARI

    MARI

    13 Novembre 2013 at 14:46 |
    OTTIMA DARIA! sei un fenomeno!
    Adesso passo subito la ricetta alla mia sorellona che da anni non mangia più una fetta di pizza decente! UN GRAZIE-GRAZIE anche da parte sua! ;-)

    Rispondi

    • Daria

      Daria

      13 Novembre 2013 at 15:09 |
      Prego-prego! Spero che le piaccia!

      Rispondi

  • valentina

    valentina

    13 Novembre 2013 at 14:59 |
    ciao daria, madonna ma che fatica riuscire a commentarti.ti ricordi che te lo avevo già detto?ho provato col mio blog, e non riuscivo.mi diceva che era un indirizzo non valido.tu mi avevi consigliato di mettere davanti http etc etc...ma niente.ora mi sono registrata con la mail e subito non mi ha preso il nome.guarda, di solito non ho tutta sta pazienza eh?lo faccio per te, perchè fai delle cose che mi piacciono un sacco.
    vediamo se a sto giro ora riesco....
    un bacione.
    valentina di parole vegetali

    Rispondi

    • Daria

      Daria

      13 Novembre 2013 at 15:11 |
      Commento arrivato e vedo che sei registrata. Ora se provi a commentare di nuovo non dovrebbe più chiederti niente (neanche il codice captcha). Mi spiace che ci siano tutte queste difficoltà... non capisco come mai accadono solo ad alcuni :-( Grazie comunque per la pazienza.
      A presto!

      Rispondi

  • nancy

    nancy

    15 Novembre 2013 at 19:44 |
    non sembra difficile da fare, proverò!
    colgo l'occasione per lasciarti il link al mio blog se ti va di passare :)

    http://spignattoereview.blogspot.it/

    Rispondi

    • Daria

      Daria

      15 Novembre 2013 at 21:50 |
      Ciao Nancy, benvenuta! Non è assolutamente difficile, importante però è dosare bene l'idratazione (ovvero l'impasto non deve essere troppo duro) altrimenti tende a seccare troppo. Dopo passo a trovarti.

      Rispondi

  • Fiore

    Fiore

    17 Novembre 2013 at 17:51 |
    slurpppppppppppppp
    me la mangio con gli occhi visto che per ora non posso mangiare cose con lievito :-((

    Rispondi

    • Daria

      Daria

      17 Novembre 2013 at 21:07 |
      Neanche lievito madre?

      Rispondi

  • ArteMamma

    ArteMamma

    01 Marzo 2014 at 21:58 |
    Questa mi piacerebbe tanto per Bicci ma...
    Non ho un mulino e ... non riesco a far nascere questa beata madre s/g...

    Rispondi

    • Daria

      Daria

      01 Marzo 2014 at 22:33 |
      Per le farine puoi usare quelle che si trovano in commercio... per la madre hai provato a vedere se in zona ci sono spacciatori di madre senza glutine? Solitamente sulla mappa della Comunità della Pasta Madre sotto il nome dello spacciatore è indicato che tipo di pasta madre ha... anzi mi fai venire in mente che dovrei aggiornare anche i miei dati.

      Rispondi

  • ArteMamma

    ArteMamma

    01 Marzo 2014 at 22:37 |
    Provo, grazie!
    :-)

    Rispondi

  • lucia

    lucia

    04 Gennaio 2016 at 18:48 |
    ciao daria..ti chiedo al posto del siero di Kefir o siero di yogurt cosa potrei utilizzare?..grazie mille!

    Rispondi

  • lucia

    lucia

    05 Gennaio 2016 at 13:27 |
    ciao daria! al posto del siero di Kefir o siero dello yogurt cosa potrei utilizzare?..grazie mille!!

    Rispondi

    • Daria

      Daria

      05 Gennaio 2016 at 15:12 |
      Ciao Lucia, puoi usare dello yogurt di soia diluito nella stessa quantità di acqua.

      Rispondi

Lascia un commento

Stai commentando come ospite. Login opzionale sotto.


Anti-spam: complete the taskJoomla CAPTCHA

Login

Per commentare più agevolmente (senza che ti venga richiesto il codice captcha) registrati e fai il login quando entri nel sito. In questo modo l'approvazione dei commenti verrà richiesta solo la prima volta e poi sarà automatica
PS: purtroppo sono stata costretta per gli utenti non registrati a inserire i codici captcha a causa dell'eccesso di spam che finiva col bloccare il sito. Grazie!

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione cookie policy