in cucina

IMG 20161208 122722

Salva

Salva

Salva

con i piccoli

IMG 20170901 193948 l

 

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

a piedi o in spalla

IMG 20170902 170039 2

 

Salva

Salva

Salva

Salva

orto e giardino

DSCF2486 gd

 

Salva

Salva

Salva

Salva

Agosto, le ricette: reginette con cornette e pesto di prezzemolo e portulaca, crema di melanzane rosse e torta salata ai pomodorini con crema di noci dell'Amazzonia

on Domenica, 20 Agosto 2017. Posted in orto, cucina

Agosto, le ricette: reginette con cornette e pesto di prezzemolo e portulaca, crema di melanzane rosse e torta salata ai pomodorini con crema di noci dell'Amazzonia

Come promesso ecco un po' di ricette d'agosto, quelle che sono state più apprezzate e che prevedono l'uso dei prodotti che l'orto generosamente ci dona anche quest'anno. In tema di orto sto leggendo in questo periodo il libro di Pia Pera "L'orto di un perdigiorno" e mi piace lasciare anche qui questa parte che riassume molto il mio modo d'agire e sentire soprattutto in questo periodo. Anche se ogni anno è diverso e un po' sorpendente, c'è sempre qualcosa di cui nutrirsi e una delle cose che apprezzo di più è proprio la scoperta di nuovi gusti e nuove ricette! Fra queste scoperte quest'anno abbiamo il frutto che vedete in apertura.

20881868 10209660707865520 2775079842748353962 n

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Quello che a prima vista sembrerebbe un tipo di pomodoro o al limite di peperone, è in realtà una melanzana, chiamata melanzana rossa o africana o amara. La storia di questo tipo di melanzane è interessante e se avete voglia di saperne di più vi invito a leggere QUI e QUI. Nel mio caso la piantina è stata un dono dell'amico Alberto che da quest'anno ha una serra con vendita di piantine bio: "La Cavana" (se siete in zona vi invito ad andare a trovarlo per i vostri trapianti autunnali, chiedetemi pure se vi interessa). Io spero di riuscire a salvarne dei semi o che lo faccia lui visto che ci sono piaciute!

IMG 20170815 174127

l'interno della melanzana

Di questa pianta oltre che i semi ho letto che si possono consumare anche le foglie come fossero spinaci, le proverò più in là, magari e vi farò sapere!

So che al sud, nello specifico nella zona della Basilicata, esiste una tipologia simile che è anche un presidio slow food, ma non saprei dove indirizzarvi per trovarle in commercio, forse nei negozi di cibo etnico: in ogni caso se le vedete sono da provare e anzi fatemi sapere dove le avete prese!

Veniamo alla ricetta che vi consiglio!

Crema di melanzane africane

ingredienti:

IMG 20170815 173706

  • 2 melanzane rosse
  • 1 spicchio d'aglio
  • 2 cipolline bianche fresche
  • 2-3 rametti di basilico rosso
  • 1 fetta di pane integrale di farro
  • sale qb
  • olio evo qb
  • curcuma in polvere a piacere

preparazione:

Tagliate le melanzane e le cipolle a pezzetti e fatele rosolare con poco olio e poca acqua in una padellina. Lasciate raffreddare. Mettete nel boccale del frullatore la fetta di pane tagliata a pezzetti, le foglie di basilico, l'aglio, poco sale e le melanzane cotte. Frullate fino ad ottenere una crema rustica. A piacere aggiungete della curcuma.

IMG 20170815 194538

Noi l'abbiamo consumata sul pane appena tostato e anche come condimento del cous cous. Il retrogusto è leggermente amaro e col leggero pizzicore tipico delle melanzane. A noi grandi è piaciuto davvero tanto come condimento!

Veniamo alla seconda ricetta, che prevede l'uso dell'altro ingrediente che vedete sull'immagine iniziale, ovvero le cornette, un tipo particolare di fagiolino, più scuro e sottile. Si tratta di una pasta ben condita che può fare tranquillamente da piatto unico. In questo caso ho usato le reginette bio di Iris che abbiamo preso col gas, anche se solitamente preferisco la pasta integrale, ogni tanto una eccezione ci può stare, specie con un formato così interessante! ;-)

Reginette con cornette al pesto di portulaca e prezzemolo

IMG 20170814 133026

ingredienti per il pesto:

  • 30 gr di noci dell'amazzonia bio del commercio equo
  • 1 piccolo spicchio d'aglio
  • 1 cucchiaio di lievito in scaglie
  • 5 rami grandi di portulaca
  • un mazzetto di prezzemolo
  • 2 rametti di basilico
  • olio evo qb
  • sale qb
  • uno spicchio di limone

ingredienti per la pasta (per 4 persone circa):

  • 320 gr di pasta (nel mio caso reginette bio)
  • una decina di piccole patatine novelle appena raccolte
  • 1 mazzetto di cornette
  • sale grosso qb

Preparazione:

Mettere l'acqua a bollire in una pentola alta. Spuntare le cornette e lavarle, lavare bene anche le patate togliendo con le mani anche la pellicina che le ricopre e tagliarle a metà. Quando l'acqua bolle, salare e versare nell'acqua le cornette e le patate. Fare cuocere per 10 minuti e nel frattempo preparare il pesto. Mettere nel boccale del frullatore le noci, le foglie di basilico, portulaca e i rametti di prezzemolo, lo spicchio d'aglio, il lievito e l'olio. Frullare fino ad ottenere una crema. Aggiungere il sale e il succo di limone. Mescolare. Calare la pasta e seguire le indicazioni di cottura. Scolare tutto e condire col pesto.

Una delizia ricca di omega 3 e un ottimo modo per proporre ai bambini verdure che non apprezzano in altre maniere.

E veniamo all'ultima ricetta di oggi, una torta salata che ho portato per una cena da amici. Protagonisti principali i pomodorini colorati che adornano l'orto per tutta l'estate!

Torta salata con pomodorini colorati e crema di noci dell'Amazzonia

20882871 10209662856399232 4302298376026689654 n

ingredienti:

per la frolla salata:

  • 300 gr di semola di senatore cappelli bio
  • 10 cucchiai di olio evo
  • 5 cucchiai di vino bianco frizzante
  • 1 punta di cucchiaino di bicarbonato
  • 1 cucchiaino raso di sale fino integrale
  • 120-150 ml di acqua

per il ripieno:

  • pomodorini colorati (nel mio caso datterini e ciliegini rossi, ciliegini viola, peretti gialli)
  • 100 gr di noci dell'Amazzonia bio del commercio equo
  • 1 cucchiaio di lievito in scaglie
  • 1 cucchiaino si sale fino integrale
  • acqua qb
  • 1 spicchio piccolissimo di aglio
  • 1 spicchio di limone (succo)
  • origano secco

Preparazione:

Mettere in ammollo le noci in acqua. Preparare la frolla setacciando la farina con il sale e il bicarbonato e aggiungendo prima l'olio e il vino e a seguire acqua un po' alla volta impastando con le mani fino ad ottenere una palla liscia ed elastica che metterete a riposare in frigo per almeno un'ora.

Scolare le noci e preparare una crema frullandole con i restanti ingredienti ad eccezione dei pomodorini e dell'origano.

Riprendere la frolla, stenderla su carta forno, posarla sulla teglia e con l'aiuto del matarello tagliarla della giusta misura (tenete da parte quella che vi avanza per la eventuale decorazione oppure per ricavare dei piccoli cracker come ho fatto io). Riempite la frolla con la crema di noci e decorate la superficie con i pomodorini dispondoli a cerchi concentrici. Cospargere con origano e poco sale. Infornare per 25-30 minuti a 180°. Purtroppo manca la foto della fetta... la torta è finita troppo in fretta!

 IMG 20170819 163852

Questi però sono i cracker fatti con gli avanzi di frolla stesa molto sottile. Bastano 8-9 minuti di cottura a 180° (finiscono la cottura fuori dal forno). E voi cosa preparate di buono con i prodotti di questo periodo?

Salva

Salva

Salva

Salva

Commenti (7)

  • Michela Giulianati

    Michela Giulianati

    20 Agosto 2017 at 15:16 |
    Wow!!!!!!!!!! Queste ricette sono speciali perché sono appetitose e semplici allo stesso tempo! Proprio come dice Pia, cosa c'è di meglio che pensare alla preparazione dei pasti partendo da quello che c'è nell'orto?!
    Brava Daria!!!!

    Michela

    Rispondi

    • Daria

      Daria

      21 Agosto 2017 at 23:04 |
      Grazie Michela... penso sia così anche per te! L'orto è sempre di ispirazione!

      Rispondi

  • Consuelo

    Consuelo

    20 Agosto 2017 at 17:59 |
    Mi incuriosisce tantissimo quella melanzana O_O mai visto niente di simile e tu l'hai ricettata in un modo davvero super goloso!!!

    Rispondi

    • Daria

      Daria

      21 Agosto 2017 at 23:05 |
      Incuriosiva moltissimo anche me, soprattutto perchè non avevo idea dell'aspetto e del gusto che avrebbe avuto: ogni giorno andavo a guardare come crescevano i frutti!

      Rispondi

  • Felicia

    Felicia

    21 Agosto 2017 at 05:36 |
    Ma quante belle ricette!!! tutte interessanti e gustose. Davvero interessante la melanzana rossa, ho letto con curiosità gli articoli linkati, proprio non la conoscevo, e che dire della ricetta della pasta e della crostata salata!!!! irresistibili :-)

    Rispondi

    • Daria

      Daria

      21 Agosto 2017 at 23:06 |
      Grazie Felicia, un piacere ritrovarti da queste parti! Un abbraccio!

      Rispondi

  • Elle

    Elle

    22 Agosto 2017 at 23:47 |
    Eccolo, l'ortaggio misterioso!
    Ora però m'incuriosisce il libro, perché il passo che riporti è proprio vero!
    Qundo devo improvvisare la cena, oramai, anziché aprire il frigo esco nell'orto ;)

    Rispondi

Lascia un commento

Stai commentando come ospite. Login opzionale sotto.


Anti-spam: complete the taskJoomla CAPTCHA

Login

Per commentare più agevolmente (senza che ti venga richiesto il codice captcha) registrati e fai il login quando entri nel sito. In questo modo l'approvazione dei commenti verrà richiesta solo la prima volta e poi sarà automatica
PS: purtroppo sono stata costretta per gli utenti non registrati a inserire i codici captcha a causa dell'eccesso di spam che finiva col bloccare il sito. Grazie!

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione cookie policy