in cucina

IMG 20161208 122722

Salva

Salva

Salva

con i piccoli

IMG 20161212 125756 rit

 

Salva

Salva

Salva

a piedi o in spalla

DSCF3423 2

 

Salva

Salva

Salva

orto e giardino

IMG 20161209 094753 BURST001 COVER rit

 

Salva

Salva

Salva

Calzoncini con esuberi (avanzi) di pasta madre

on Lunedì, 20 Gennaio 2014. Posted in cucina

Calzoncini con esuberi (avanzi) di pasta madre

E' un bel po' di tempo che non pubblico ricette di lievitati con pasta madre, non preoccupatevi non ho abbandonato la panificazione, anzi ultimamente la Gilda ha lavorato parecchio anche per il compleanno di Elena oltre che per ottimi pani e pizze. Una delle cose semplici che ho preparato in questo periodo sono questi calzoncini integrali di farro fatti con gli esuberi della Gilda. Tanto semplici quanto efficaci, infatti sono piaciuti anche alle bimbe che solitamente la pizza la mangiano solo col pomodoro e non ci vogliono alcuna farcitura! Allora veniamo a noi!

Ingredienti per l'impasto:

  • 300 gr di pasta madre avanzata (giaceva in frigo da un paio di giorni) - la solita Gilda rinfrescata con farina tipo 2 
  • 1 bicchiere d'acqua temperatura ambiente (circa 200 ml)
  • 2 cucchiai di olio evo
  • 1 cucchiano di sale fino integrale
  • farina di farro integrale (macinata da me) qb (circa 300 gr)

Ingredienti per i ripieni:

Tipo 1 - scelto dalle birbe:

  • 4-5 olive verdi giganti
  • 100 gr di piselli fini già cotti
  • 1 cucchiaio di pesto al basilico (fatto da me e congelato con basilico, olio evo e mandorle)
  • salsa di pomodoro (nel mio caso home-made) a piacere

Tipo 2:

  • 1 bella fetta di zucca delica
  • qualche ciuffetto di funghi chiodini (pioppini)
  • 1 pezzetto di porro
  • olio evo qb
  • sale fino integrale qb
  • salsa di pomodoro (home-made) a piacere

DSCF5758

Preparazione:

Per prima cosa preparare l'impasto semplicemente sciogliendo la pasta madre (non preventivamente rinfrescata) con l'acqua e aggiungendo la farina di farro un po' alla volta fino ad avere un bel panetto morbido a cui aggiungere per ultimi il sale e l'olio. Impastare bene e mettere a riposare per 3 ore  circa a temperatura ambiente.

Preparare i ripieni. Per il primo tipo basterà lasciare scongelare il pesto (io lo metto in frigo e poi lo passo a t.a.). Snocciolare e tagliare a pezzetti le olive. Riunire il tutto (fuorchè la salsa di pomodoro) in un piatto.

Per il secondo tipo far rosolare il porro affettato finemente con la zucca tagliata a dadini. Pulire i funghi e aggiungerli a circa metà cottura. Lasciarli cuocere finchè teneri, salare e lasciare raffreddare.

DSCF5759

Passate le tre ore, dividere l'impasto in palline della grandezza desiderata: nel mio caso li volevo piccolini, quindi ho ricavato delle palline di 5 cm di diametro circa. Schiacciare con le mani in modo da avere dei dischi e lasciarli lievitare ancora un pochino a t.a. sul piano infarinato. Accendere il forno a 200° statico. Riempire con i diversi tipi di ripieno i calzoncini, chiuderli per bene anche aiutandosi con una forchetta e disporli su carta forno. Quando il forno sarà in temperatura infornare per 20-25 minuti. Servire caldi se piace con una cucchiata di salsa di pomodoro.

DSCF5762

Golsi e piaciuti a tutti! Logicamente con i ripieni potete sbizzarrirvi!

Questa ricetta partecipa a Panissimo di Gennaio 2014, la raccolta di ricette di lievitati organizzata da Barbara,  Bread & Companatico e Sandra e ospitata questo mese proprio da Sandra

panissimo

 

Questa ricetta partecipa anche alla raccolta di ricette con cereali e farine integrali "Integralmente" di GocceD'aria: partecipate anche voi!

integralmente-rid

 

Commenti (16)

  • valentina

    valentina

    21 Gennaio 2014 at 12:03 |
    dillo daiiii....che questa ricetta l'hai messa apposta per me, per aiutarmi!grazie per tutte le idee che mi stai dando.sei una maga della panificazione.

    Rispondi

    • Daria

      Daria

      21 Gennaio 2014 at 14:44 |
      :-D Può essere... in effetti per le amiche che si stanno cimentando le prime volte con la pm vien buona!

      Rispondi

  • xcesca

    xcesca

    21 Gennaio 2014 at 17:43 |
    Buonissimi questi calzoncini!
    Mi fai venire voglia di tirar fuori la mia pasta madre.. ma in questi giorni oltre al pane senza impasto non riesco proprio a fare!

    Rispondi

    • Daria

      Daria

      21 Gennaio 2014 at 21:16 |
      Capisco... anch'io ogni tanto passo dei periodi simili... però se riesci ad organizzarti in un pomeriggio con gli avanzi li prepari... ;-)

      Rispondi

  • papinamoon

    papinamoon

    21 Gennaio 2014 at 19:29 |
    mamma mia che buoni!!!! approvo entrambi i tipi!! :P

    Rispondi

    • Daria

      Daria

      21 Gennaio 2014 at 21:16 |
      ;-) In effetti erano entrambi molto gustosi!

      Rispondi

  • MARI

    MARI

    22 Gennaio 2014 at 09:30 |
    La mia pasta madre s'è rifiutata di lievitare lasciandomi con i sensi di colpa per averla dimenticata in frigo una settimana di troppo, durante le feste di Natale! :-(
    Ma non demordo: farò la Becky bis, tris... finchè non avrò imparato bene la lezione!
    Sfiziosi i calzoni! :-)

    Rispondi

    • Daria

      Daria

      22 Gennaio 2014 at 09:34 |
      Se non aveva fatto muffa puoi provare a fare una serie di rinfreschi ravvicinati, anche 2 al giorno... eventualmente puoi anche legarla. Tienimi aggiornata!

      Rispondi

  • Felicia

    Felicia

    23 Gennaio 2014 at 06:27 |
    Gustosi...... una super proposta per sfruttare l'esubero di pm. Cerco di non averne mai, ma in questo periodo ho rinfrescato spesso (ho donato tanta pm) e mi sono ritrovata con un piccolo esubero. Domenica ho rimediato facendo i pizzichi (trovati nella pagina Fb Pasta Madre), alla prossima occasione sfrutterò la tua ricetta!!!! troppo invitanti.

    Rispondi

    • Daria

      Daria

      23 Gennaio 2014 at 09:44 |
      Avevo adocchiato anch'io i pizzichi e avevo in mente di provarli... come sono venuti?

      Rispondi

      • Felicia

        Felicia

        23 Gennaio 2014 at 20:21 |
        Sono buonissimi!!!! li ho fatti utilizzato poca pasta madre in esubero (preferisco conservarne poca) l'ho impastata unendo farina di grano arso e ho fatto lievitare. Ho formato i pizzichi come descritto, li ho poi ripassati in padella con olio aromatizzato con zenzero, a Fausto sono piaciuti tantissimo..... il colore nero della farina e il sapore li ha resi particolamente originali e gustosi. Mi sa che li rifarò per pubblicarli.... troppo carini ;-)

        Rispondi

        • Daria

          Daria

          23 Gennaio 2014 at 21:43 |
          Fantastico, poi col grano arso devono avere un gusto del tutto speciale!

          Rispondi

  • Giovanni Ⓥ Di Nardo

    Giovanni Ⓥ Di Nardo

    23 Gennaio 2014 at 14:01 |
    Ciao!
    devono lievitare dopo la formatura?
    Grazie

    Rispondi

    • Daria

      Daria

      23 Gennaio 2014 at 14:07 |
      Io ho lasciato lievitare le palline non formate per un'ora circa, una volta formati li ho infornati subito come faccio per la pizza. Ciò non toglie che se hai tempo tu li possa lasciare lievitare ancora un po'.

      Rispondi

  • cri

    cri

    24 Gennaio 2014 at 10:53 |
    Buoni!!! Ho già girato il link del tuo post al panificatore di casa :)

    Rispondi

    • Daria

      Daria

      24 Gennaio 2014 at 22:06 |
      Bene! se te li prepara fammi sapere se vi sono piaciuti!

      Rispondi

Lascia un commento

Stai commentando come ospite. Login opzionale sotto.


Anti-spam: complete the taskJoomla CAPTCHA

Login

Per commentare più agevolmente (senza che ti venga richiesto il codice captcha) registrati e fai il login quando entri nel sito. In questo modo l'approvazione dei commenti verrà richiesta solo la prima volta e poi sarà automatica
PS: purtroppo sono stata costretta per gli utenti non registrati a inserire i codici captcha a causa dell'eccesso di spam che finiva col bloccare il sito. Grazie!

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione cookie policy